Sei in Gweb+

BASSA

Carlo Galli, addio a un maestro della norcineria

11 febbraio 2021, 05:03

Carlo Galli, addio a un maestro della norcineria

Michele Deroma

 

Vivacità e generosità lo caratterizzavano nelle relazioni con gli altri, insieme alla grande lungimiranza da lui resa concreta nelle proprie storiche attività di macelleria e norcineria.

Grazie a queste Carlo Galli, scomparso la scorsa domenica a quasi 94 anni, era particolarmente famoso nell’intero territorio della Bassa parmense, e non soltanto a Sissa, dove ha vissuto, ha gestito per decenni una macelleria di carne bovina e suina e dove, per venticinque anni, ha curato corsi di formazione per chi aspirava, a propria volta, a diventare un esperto e competente addetto alla produzione dei salumi tipici delle nostre zone.

Un esperto come Carlo ha saputo essere, mostrando le proprie capacità a centinaia di allievi, all’interno delle aule del centro regionale di formazione per l’agricoltura di Sissa, poi confluito nell’attuale ente Agriform, e dove Galli tenne lezioni per un quarto di secolo insieme a Ferdinando Gazza, docente di medicina veterinaria all’università di Parma: «Io - racconta Gazza - ho solo offerto un modesto contributo alla grande praticità che Carlo Galli sapeva mettere in campo, grazie alla sua storica esperienza nel settore».

Quello di Carlo Galli e Ferdinando Gazza era un «connubio perfetto: io parlavo e lui tagliava il salume, eseguendo con grande maestria ciò che io esprimevo in termini scientifici. Riuscire a risultare chiari per tutti i venticinque allievi che ci trovavamo di fronte in classe, grazie anche alle battute e ai richiami con cui Carlo si rendeva protagonista in aula, è stata la nostra forza». Secondo il docente universitario, «nell’animo di Carlo Galli c’era soprattutto la volontà di difendere la tradizione e la gestualità della norcineria, un’arte che rischierebbe altrimenti di andare persa insieme alle sue azioni più autentiche e concrete». Fino al 2015, in cui lasciò le lezioni per raggiunti limiti di età, «Carlo ha saputo essere brillante e scherzoso, mostrando grande naturalezza nella pratica dell’insegnamento», evidenzia Gazza. Carlo Galli fu inoltre un importante esponente dell’Eccellente Arcisodalizio del Culatello Supremo, che ogni anno si ritrova nella straordinaria cornice della rocca Meli Lupi di Soragna per la «tenzone»: «Carlo era uno dei massimi esperti dell’arcisodalizio: uno di coloro che sondava il culatello con l’ago, prima di sezionarlo, pulirlo e prepararlo per la gara di degustazione», aggiunge Ferdinando Gazza, che ricorda inoltre come fu lo stesso Carlo Galli, nel lontano 1994, a dare vita all’iniziativa «I sapori del maiale», con sede davanti alla rocca dei Terzi di Sissa a novembre: «Per quella festa utilizzammo soltanto venti chilogrammi di torta fritta», ricorda bene ancora Ferdinando Gazza.

Nessuno avrebbe potuto immaginare che quella piccola iniziativa si sarebbe rivelata «l’embrione» del November Porc e dei suoi straordinari numeri che ogni anno, in autunno, animano i territori rivieraschi della Bassa.

Anche per questo Carlo Galli, come ha affermato la figlia Paola, sarà sempre ricordato come «una persona lungimirante: mio padre, un carattere estroverso e dalla barzelletta facile, è stato capace di fare tanto, per la nostra famiglia; per mia madre Vanda, da lui sposata 62 anni fa; per gli allievi e tutta la popolazione. Credo di aver avuto un grande padre». Carlo Galli riposa ora nel cimitero di Valera: il 93enne storico norcino sarà ricordato domenica 14 febbraio, nella messa celebrata alle 11 nella chiesa parrocchiale di Sissa.

 

Michele Deroma Vivacità e generosità lo caratterizzavano nelle relazioni con gli altri, insieme alla grande lungimiranza da lui resa concreta nelle proprie storiche attività di macelleria e norcineria. Grazie a queste Carlo Galli, scomparso la...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal