Sei in Gweb+

CORONAVIRUS

Aumentano i contagi in classe: 40 scuole sotto osservazione

13 febbraio 2021, 05:07

Aumentano i contagi in classe: 40 scuole sotto osservazione

Chissà se dipende dalle varianti - quella inglese è più contagiosa e sembra anche essere molto diffusa - o dalla maggiore libertà di movimento legata al ritorno dell'Emilia Romagna in zona gialla. Quel che è certo è che il contagio nelle scuole della città e della provincia è in aumento.

Nel periodo che va da venerdì 5 a giovedì 11 febbraio, il Dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl ha scoperto casi di positività in 40 scuole, mentre nel periodo che andava dal 29 gennaio al 4 febbraio le scuole con almeno un caso di positività erano 34 .

Va specificato che nell'ultimo report, la media Zani di Fidenza e gli elementari Collodi (Fidenza) e Il Seme (Castione Marchesi) compaiono sia nell'elenco delle scuole con classi in quarantena che in quello delle scuole con alunni che hanno sospeso le lezioni .

Insomma, dagli asili nido alle superiori, nessuna aula è immune a un virus che sembra circolare di più tra materne, elementari e superiori. Intanto in città, l'assessore alla Scuola Ines Seletti assicura: «Il sistema delle sezioni bolla nella fascia zero-sei anni sta funzionando». Un buon risultato se si considera che i piccoli non indossano la mascherina.

ALUNNI IN QUARANTENA

I risultati delle indagini epidemiologiche hanno portato l'Ausl a chiedere la quarantena in classi e sezioni di 13 scuole, mentre gli alunni e gli insegnanti sono stati (o saranno presto) sottoposti al tampone. La quarantena riguarda il nido Arcobaleno e sette scuole materne, di cui tre in città: asilo Vignali di Salsomaggiore, scuola dell'infanzia di Fontanellato, Voltini di Roccabianca, La Salle, Don Milani di Fidenza, asilo Aladino e scuola dell'infanzia Coccinella. Classi in quarantena in due scuole elementari, la Collodi di Fidenza e Il seme di Castione Marchesi, e in due scuole medie: Il seme di Castione Marchesi e la Zani di Fidenza. Anche alcuni alunni dell'Ipsia Primo Levi dovranno saltare le lezioni per 14 giorni. La quarantena viene decisa quando in una classe è individuato più di un positivo al coronavirus. «Tra rispetto del distanziamento, presenze ridotte al 50% e mascherine, alle superiori difficilmente ci si contagia in classe», spiega Aluisi Tosolini, coordinatore dei dirigenti scolastici

LEZIONI SOSPESE

L'Ausl ricorda che sono stati riscontrati casi isolati di positività in 30 scuole sparse fra la città e il resto della provincia, e che per i contatti a rischio sono stati eseguiti (o comunque programmati) tamponi rapidi. Per molte di queste classi è stata sospesa la frequenza, in attesa dell’esito del tampone. Le classi coinvolte sono al nido Acquerello, alla materna Voltini di Roccabianca e in 12 scuole elementari: Collodi di Fidenza, Corazza, La Salle, Il Seme di Castione Marchesi, Pezzani, Rodari, Verdi di Collecchio, Micheli, Padre Lino Maupas, istituto comprensivo di Torrile, scuola elementare di Vigatto, scuola elementare di Borghetto. Lezioni sospese anche in cinque scuole medie (istituto comprensivo Parmigianino, Salvo D’Acquisto, Zani di Fidenza, Pezzani di Tizzano, Istituto Verdi di Corcagnano) e in 11 scuole superiori: Berenini di Fidenza, Bertolucci, Bocchialini, Bodoni, Primo Levi, Galilei di San Secondo, Marconi, Paciolo D’Annunzio di Fidenza, Ulivi, Sanvitale ed Enac di Fidenza.

SEZIONI BOLLA

«Il sistema regge. Per noi, l'importante è mantenere aperti i nidi e le scuole dell'infanzia », afferma Ines Seletti. «Fino ad ora si sta dimostrando valido il sistema delle sezioni bolla, che impedisce ai bimbi di una sezione di entrare in contatto con quelli di un'altra. È una tutela per i piccoli, per gli operatori scolastici e per le famiglie ».

P.Dall.