Sei in Gweb+

Architetto

Laura Piazza stroncata a 39 anni

di Luca Molinari -

13 marzo 2021, 05:08

Laura Piazza stroncata a 39 anni

Se ne è andata a soli trentanove anni Laura Piazza, stimato architetto e madre amorevole. La sua prematura scomparsa, a causa di una lunga malattia che ha affrontato a testa alta, lascia un vuoto incolmabile nei suoi familiari e in tutto coloro che l’hanno conosciuta, a partire dai colleghi dello studio di architettura parmigiano Efa.

Il compagno Andrea, la piccola Cloe, i genitori, i famigliari e gli amici avranno sempre nel cuore il ricordo di una donna affettuosa e premurosa in ogni situazione; capace di sorridere, di vedere la luce e di incoraggiare e consolare le persone care anche nei momenti più difficili della sua malattia.

Laura Piazza ha combattuto per due anni contro il male che la attanagliava, dedicando tutta se stessa alla propria famiglia e al lavoro che amava, senza mai mortificarsi o perdersi d’animo. La professione dell’architetto possiede un inestimabile privilegio: quello di donare al futuro un pezzo di presente, attraverso le proprie opere, i propri progetti, le proprie idee. Laura Piazza ha partecipato all’attività dello studio in cui lavorava con passione, dedizione e amore. Laureatasi nel luglio 2007 con una tesi sulla progettazione di un museo della Memoria in una villa della provincia parmense, è stata seguita, in qualità di relatore, dal professor Marco Dezzi Bardeschi. La tesi è stata sviluppata in collaborazione con i compagni di studio Filippo Dell’Amico e Francesca Pesci, con la quale è da subito entrata nello studio di borgo Lalatta, dove avevano entrambe svolto il tirocinio.

Nel corso degli anni, Laura ha partecipato all’attività progettuale e gestionale dello studio, affrancandosi anche come donna all’interno di una sfera, quella dell’edilizia, che solo recentemente sta aprendo i propri orizzonti all’inclusione e alla equità di visione.

Tra le principali opere alle quale ha attivamente partecipato, figurano la riqualificazione di piazza Berzieri a Salsomaggiore, il centro ricerche Laboratori realizzato a Lentigione di Brescello per il gruppo Immergas, il riassetto di piazza della Pace, oltre a una serie di architetture aziendali progettate e costruite per il gruppo Chiesi Farmaceutici, tra le quali spiccano La casa della Ricerca e il nuovo Headquarter 2020, di recentissima ultimazione.

Numerose e profonde, nelle ultime ore, sono state le testimonianze di affetto e stima nei confronti di Laura da parte dell’intera comunità degli architetti e dei numerosi interlocutori e colleghi che hanno avuto la fortuna di lavorare con lei.

Emilio, Maria Pilar, Pietro, Francesca, Dario, Giorgia, i suoi colleghi e compagni di lavoro di una vita, vogliono ricordarla come sarebbe piaciuto a lei: con una matita in una mano, il caschetto da cantiere nell’altra e quell’irresistibile sorriso che ha reso le sue architetture, ancora più belle.