Sei in Gweb+

Colorno

Politici cantanti: «La nostra bassa suona il rock»

13 marzo 2021, 05:06

Politici cantanti: «La nostra bassa suona il rock»

CHRISTIAN MARCHI

BASSA Dai seggi dei consigli comunali del proprio paese al palco della 34ª edizione di Sanremo Rock il passo è breve? Non si direbbe e invece lo è.

Fa parlare, infatti, il «fenomeno» dei due politici locali della Bassa e, allo stesso tempo, cantautori dall’anima rock, entrambi scelti tra gli otto finalisti in regione Emilia Romagna per lo spin off del Festival della Canzone italiana, in programma in autunno.

Jacopo «Mack» Rosa e Andrea Magni, il «Gnux»: il primo 26enne capogruppo di maggioranza in consiglio a Colorno per il centrodestra e l’altro, 38enne anch’egli capogruppo di maggioranza, tuttavia per il centrosinistra a Roccabianca. Ma qual è allora, se esiste, la relazione tra politica e musica?

«MACK»
«Il primo amore, a 12 anni, è stata senza dubbio la musica – dice Rosa –. La passione per la politica è venuta dopo, quando sono stato eletto a 19 anni rappresentante di istituto al liceo Romagnosi. Tuttavia, entrambe sono un’arte: rappresentano un modo per l’autore e il politico di comunicare agli altri la propria visione del mondo, sulla base delle proprie idee e la lanterna con cui osservare la società. Credo molto nella musica e nella politica come due espressioni per trasmettere idee e portarle avanti, ognuna con i suoi mezzi: il palcoscenico, la chitarra e il microfono da una parte e un articolo di giornale, un post sui social e un discorso pubblico dall’altra. Inoltre, entrambe si fondano su una propria filosofia personale, che ti aiuta a scavare in profondità all’interno di te stesso. La chitarra è il primo strumento che prendo in mano quando mi alzo e suonarla è la prima cosa che faccio quando arrivo a casa. Senza dubbio, l’ente locale è un’ottima palestra, che aiuta a saperti occupare di tutto. Politica e arte sono entrambe passioni, che si compiono sempre di buon grado e quando si coltivano a lungo, si vive senza dubbio in maniera più felice».

«GNUX»
Se, invece, politica e musica hanno qualcosa in comune, quelle per il «Gnux» Andrea Magni sono libertà di espressione e passione. «In politica – aggiunge Magni –, si esprime candidamente il proprio pensiero; in musica, si dà voce alla propria voglia di progresso e libertà». Con lo stesso spirito, «Gnux the Voice» da Roccabianca di lavoro fa tutt’altro: si destreggia tra bit del computer e algoritmi per l’impresa. «Sono sempre alla perenne ricerca della formula magica – continua –, come un pc in costante aggiornamento. E così, sono sempre proiettato anche a risolvere i miei “bug canori” e a migliorare la performance vocale. Non sarò mai la Callas, forse non solo per estetica. Ma di certo questo non limita la passione, la volontà e la cura del dettaglio. Chissà che ne direbbero Peppone e don Camillo, eroi-antieroi di questa terra baciata dal Po. Come me genuini e cocciuti, come il parroco don Gabelli e il Marchini in testa alla sezione locale del Pci». A lui figure entrambe care, esperienze formanti. «La finale di quest’anno sarà sicuramente un momento di gioia anche per loro – conclude Magni –. Con passione e sorriso. Forse sarà davvero la migliore predisposizione per iniziare “Il cambiamento” che tutti diciamo di volere».

CHRISTIAN MARCHI BASSA Dai seggi dei consigli comunali del proprio paese al palco della 34ª edizione di Sanremo Rock il passo è breve? Non si direbbe e invece lo è. Fa parlare, infatti, il «fenomeno» dei due politici locali della Bassa e,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal