Sei in Gweb+

CORREGGIO

Camera di San Paolo: torna visitabile sempre

16 marzo 2021, 05:02

Camera di San Paolo: torna visitabile sempre

KATIA GOLINI

 

Delle porte sbarrate alla Camera di San Paolo tutti sanno, anche perché a tantissimi parmigiani e soprattutto turisti è capitato di cozzare contro il grande problema delle aperture a singhiozzo (anche prima dell'emergenza Covid) e orari ridotti. Negli ultimi anni visitare il capolavoro di Correggio è stato sempre più complicato. «Carenza di personale» si è sempre giustificato il Polo museale dell'Emilia-Romagna (alle dipendenze dirette del Ministero dei beni culturali) che del luogo era il responsabile. Ora finalmente la musica potrà cambiare. Sarà il Comune a custodire il luogo e l'assessorato alla Cultura a gestire gli accessi, con la promessa di tenere il bene aperto sempre (eccetto un giorno alla settimana, come nella stragrande maggioranza dei musei).

 

Una notizia entusiasmante per appassionati d'arte e storia, ma soprattutto per l'intera città che, appena potrà riprendere la circolazione dei turisti, avrà un altro bene di enorme interesse da mettere sul piatto delle attrazioni culturali.

 

Il dado è tratto, questione di qualche settimana. Dopo la firma nei giorni scorsi della convenzione con Ministero e Polo museale regionale, manca solo qualche passaggio burocratico, a partire dal passaggio della delibera che domani sarà sottoposta al vaglio della giunta.

 

C'è l'orgoglio di chi ha centrato un importante obiettivo nelle parole del sindaco Federico Pizzarotti. «Prima di tutto un ringraziamento al Ministero che ci ha ascoltati. E' dai tempi della nomina a Capitale italiana della cultura che stiamo lavorando per rendere accessibile la Camera di San Paolo, parte integrante, tra l'altro, del complesso monastico del San Paolo, di proprietà del Comune, di cui sono in via di completamento i restauri. E di cui abbiamo già finanziato la sistemazione del giardino. Non è stato facile, l'iter è stato lungo e complesso, ma ci siamo riusciti. Volevamo essere pronti per Pasqua e lo saremo, anche se le chiusure causate dall'emergenza Covid non ci permetteranno di aprire in quei giorni di festa. Il bene di straordinario valore storico-artistico potrà così essere messo a sistema con l'intero complesso, a sua volta avviato all'apertura».

 

«Una grande responsabilità, ma soprattutto una grande soddisfazione - commenta l'assessore alla Cultura Michele Guerra -. L'obiettivo è di introdurre orari analoghi a quelli dei musei civici: la Camera di San Paolo sarà quindi aperta tutti i giorni, eccetto uno alla settimana. Inoltre potrà tornare in stretto dialogo con gli altri spazi del Complesso del San Paolo e valorizzare ancora di più l’unitarietà del luogo. Nella difficoltà di questi mesi, credo che il passaggio al Comune della Camera possa considerarsi una delle migliori eredità di Parma 2020, perché è evidente che il titolo ci ha dato un’autorevolezza diversa. Tutte le persone con cui ci siamo confrontati al Ministero hanno colto l'importanza di rendere accessibile questo luogo e hanno avuto fiducia nell'amministrazione comunale. Una fiducia che ci siamo conquistati grazie alla capacità progettuale dimostrata anche nei piani di valorizzazione pensati per la Camera. Il nostro ringraziamento va al Ministero della cultura e al Polo museale, in particolare al nuovo direttore Giorgio Cozzolino, al Comitato Parma 2020 e al direttore Ezio Zani che si è molto speso per questo progetto. Nell'iter che ci ha portati a questo risultato fondamentale è stato il lavoro svolto dal dirigente dell’assessorato alla Cultura, ma non meno della direzione generale e della segreteria generale, a testimoniare un lavoro di squadra intersettoriale che dà sempre risultati importanti».

 

KATIA GOLINI Delle porte sbarrate alla Camera di San Paolo tutti sanno, anche perché a tantissimi parmigiani e soprattutto turisti è capitato di cozzare contro il grande problema delle aperture a singhiozzo (anche prima dell'emergenza Covid) e orari...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal