Sei in Gweb+

PAURA

Zibello, pitbull azzanna un cagnolino

di Paolo Panni -

20 marzo 2021, 05:06

Zibello, pitbull azzanna un cagnolino

POLESINE ZIBELLO Di nuovo pitbull in azione lungo le rive del Po. Dopo il grave fatto del mese scorso a Mezzano Superiore dove due pitbull hanno sbranato un lagotto, ora è la volta di Zibello. Dopo le polemiche divampate, in paese, una decina di giorni fa, quando due pitbull erano stati visti aggirarsi liberamente in un parco giochi del paese, l’altro ieri, di nuovo un pitbull è riuscito ad uscire dal recinto andando ad attaccare e a mordere un lagotto, in un’area golenale del Po. Lo ha fatto di fronte agli occhi terrorizzati della proprietaria del lagotto. Il cagnolino, che ha riportato pesanti ferite e ne avrà per un mese, si è salvato solo grazie al coraggio di un giovane del paese che si trovava nei paraggi e si è avventato sul pitbull, riuscendo ad allontanarlo. La notizia dell’accaduto ha subito sollevato, di nuovo, un vespaio di polemiche e, immediatamente è stato avvertito il consigliere delegato al benessere animale Gianluca Copelli che ha allertato immediatamente la polizia locale.

A quel punto sono scattate le sanzioni del caso e il veterinario che si è preso cura del lagotto, come da prassi, ha attivato il servizio veterinario di Ausl per tutte le conseguenze del caso. Di fronte al ripetersi di questi fatti, il vicesindaco Elia Vighi e il consigliere Copelli hanno annunciato che «il regolamento per il benessere animale, già approvato dal Comune, sarà attualizzato e inasprito. Andando verso la bella stagione è bene che i proprietari di cani di razze potenzialmente pericolose usino le precauzioni del caso permettendo a tutti di passeggiare in piena sicurezza. L’amministrazione è molto attenta a queste tematiche ed ha, tra le priorità, la sicurezza di tutti». Copelli e Vighi hanno quindi invitato tutti ad iscriversi al canale Comune Informa dove settimanalmente saranno trattate tematiche legate al benessere animale e alla corretta gestione degli animali d’affezione. Hanno anche colto l’occasione per invitare tutti ad adottare un cane rendendosi disponibili a seguire, in questa procedura, le persone che fossero interessate.

Lapidaria la posizione del comitato «Amici del Grande fiume» di Polesine Zibello dopo l’ultimo fatto del lagotto attaccato da un pitbull. «Forse, ancora, qualcuno crede che il fiume sia terra di nessuno – ha attaccato il comitato – ma non è così. Le persone hanno il sacrosanto diritto di poter passeggiare o praticare attività motoria all’aria aperta, anche lungo gli argini e i boschi del Po, senza dover correre rischi a causa di cani liberi. Questi, in caso di passeggiate, vanno tutti tenuti al guinzaglio. Inoltre i loro proprietari hanno il dovere di fare in modo che non possano per nessun motivo uscire dalle recinzioni». Il comitato Amici del Grande fiume ha chiesto alle forze preposte di adottare la massima intransigenza e di aumentare i controlli anche lungo le aree del Po.