Sei in Gweb+

Il caso

PalaPonti, lunghe code all'aperto per vaccinarsi

28 marzo 2021, 05:04

PalaPonti, lunghe code all'aperto per vaccinarsi

GIAN LUCA ZURLINI

Anziani in fila all'aperto senza disporre di alcun riparo anche per più di mezz'ora, parcheggio con i posti esauriti e qualche piccolo incidente, file anche al cancello di accesso al centro sportivo. Con l'aumento dei vaccini somministrati (1300 la media degli ultimi giorni) non sono mancati negli ultimi giorni i problemi organizzativi al Pala Ponti di Moletolo, il centro vaccinale più importante della città. E numerose sono state le segnalazioni sui social e al nostro giornale che lamentavano questa situazione.

Una situazione che preoccupa anche in prospettiva, perché al Pala Ponti, a pieno regime, sono previste 2400 vaccinazioni quotidiane e il rischio è che si crei un vero e proprio "ingorgo" per chi dovrà fare il vaccino.

«IN FILA FUORI SENZA RIPARO»
Da una lettrice che ha accompagnato ieri mattina l'anziana madre arriva una segnalazione puntuale dei disagi subiti: «Premesso che non c'è niente da ridire sulla gentilezza e la cortesia sia dei volontari che dei medici addetti all'assistenza, penso che però le cose andrebbero organizzate meglio. Già è un problema trovare un posto nel parcheggio, anche perché gli anziani spesso faticano a camminare e dunque devono essere fatti scendere vicino all'ingresso per poi andare alla ricerca del posto. Però ho trovato prima coda al cancello, anche perché mia mamma aveva bisogno della sedia a rotelle. E poi siamo state per diverso tempo in coda all'aperto e in piedi, senza nessun riparo e soprattutto con distanze tra le persone non definite in modo preciso. Ho poi scoperto che parte del ritardo era dovuto alla compilazione dei moduli, che ad esempio a Reggio Emilia vengono distribuiti prima dell'ingresso. Senza contare che anche il tragitto per arrivare al palazzetto è piuttosto difficoltoso da percorrere spingendo una sedia a rotelle. Credo che con poco sforzo si potrebbe migliorare l'accoglienza». La nostra lettrice conclude sottolineando che «va considerato anche il fatto che in maggioranza al Pala Ponti si stanno vaccinando persone che escono poco di casa e che hanno problemi di salute, anche se non gravi, e dunque andrebbero tutelate il più possibile in questo momento così importante e delicato».

I CONSIGLI DELL'AUSL
A rispondere per conto dell'Ausl è Antonio Balestrino, medico, che è direttore del distretto di Parma. «In effetti, con l'aumento delle vaccinazioni somministrate, c'è stato qualche problema. Già questo pomeriggio (ieri ndr) le cose erano però tornate alla normalità e non si registravano particolari code». Dopo questa premessa il dirigente dell'Ausl annuncia che «gia dai prossimi giorni interverremo per ridurre i disagi delle persone che vengono a vaccinarsi, anche in prospettiva del raggiungimento in futuro della potenzialità massima della struttura, che è di 2400 vaccinazioni al giorno». Balestrino poi dà tre consigli operativi ai cittadini, utili per poter ridurre i tempi di attesa: «Il primo, molto importante, è di non arrivare con grande anticipo, a volte anche di un'ora, sull'orario indicato nella prenotazione. I tempi sono rispettati ed è importante presentarsi nell'orario giusto. Il secondo è di arrivare alla vaccinazione portando con sè il modulo di consenso già compilato. Questo consente ai medici incaricati dello screening preventivo di guadagnare tempo prezioso. Il modulo è disponibile sul sito dell'Ausl nella sezione denominata "Covid 19"». Infine, Balestrino fa un'ulteriore raccomandazione: «Chi viene a vaccinarsi deve presentare al massimo con un accompagnatore. E questo sia per ridurre il numero delle persone presenti nell'eventuale fila che per agevolare il compito di chi riceve chi sta per essere vaccinato. Salvo casi di necessità, poi, gli accompagnatori è buona norma che rimangano all'esterno della struttura». Il dirigente Ausl chiude con una rassicurazione: «Il nostro impegno è quello di erogare il maggior numero di vaccini possibili con il miglior servizio possibile. E quindi lavoreremo per ridurre al minimo i problemi che si sono evidenziati in questi ultimi giorni al PalaPonti, che rimarrà il centro principale per le vaccinazioni in città».

GIAN LUCA ZURLINI Anziani in fila all'aperto senza disporre di alcun riparo anche per più di mezz'ora, parcheggio con i posti esauriti e qualche piccolo incidente, file anche al cancello di accesso al centro sportivo. Con l'aumento dei vaccini...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal