Sei in Gweb+

VACCINO

Personale scolastico: in 7.867 (i due terzi) hanno già ricevuto la prima dose

03 aprile 2021, 05:05

Personale scolastico: in 7.867 (i due terzi) hanno già ricevuto la prima dose

GIUSEPPE MILANO

Era stato direttamente il presidente del consiglio Mario Draghi ad annunciarlo: «La scuola fino alla prima media riaprirà dopo Pasqua», zone rosse comprese. Un annuncio seguito da una indicazione ad hoc nel decreto ed ora anche dalle comunicazioni sul territorio. In queste ore, ma c'è anche chi lo ha già fatto, nelle email o nei gruppi chat dei genitori di bambini e alunni di Parma e provincia stanno arrivando le indicazioni dai dirigenti scolastici per il ritorno in classe. Pronta la comunicazione ufficiale anche sul portale del Comune di Parma.

Mercoledì 7 aprile torneranno in aula bimbi e alunni sino alla prima media. Nidi, scuole d'infanzia e scuole primarie saranno nuovamente al completo, per le medie invece si riparte solo con i più piccini.

IN CLASSE DOPO 23 GIORNI

Non è una notizia da poco perché molti genitori temevano un nuovo lockdown prolungato all'indomani dello stop dello scorso 15 marzo. La paura era che si ripetesse quanto avvenuto lo scorso anno. Un pericolo scongiurato proprio dalla decisione del Governo che, in più, ha stabilito che «la misura non può essere derogata da provvedimenti dei singoli presidenti delle Regioni». Resta la Dad, se in zona rossa, per il secondo e terzo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado nonché per tutta la scuola secondaria di secondo grado.

VIA A MENSE E HAPPYBUS

Le famiglie che hanno i propri bambini iscritti alle scuole del Comune di Parma non solo rivedranno i figli in classe ma potranno usufruire, come era successo sino allo stop deciso il mese scorso, di tutti i servizi accessori come il trasporto Happybus e il servizio di mensa.

Nessuna novità poi sul fronte delle norme per il contenimento del contagio. Gli studi hanno confermato ancora una volta come il protocollo applicato fra le mura degli istituti scolastici italiani sia fra i più sicuri del Paese.

RESTANO LE MASCHERINE

Non si cambia quindi nonostante l'arrivo della variante inglese, più insidiosa per i più piccoli, e non si cambia nemmeno sul fronte dell'uso delle mascherine. A sgomberare i dubbi è stato ieri il Consiglio di Stato che ha confermato l'obbligo anche per chi ha meno di 12 anni. In un decreto monocratico il presidente della Terza Sezione Franco Frattini ha respinto l'istanza cautelare presentata da un gruppo di genitori. «L'obbligo contestato - si legge - non si caratterizza per la manifesta irragionevolezza».

7.867 VACCINATI A SCUOLA

Ma rispetto ad un mese fa c'è una novità importante: la campagna vaccinale per insegnanti e personale ausiliario segna infatti numeri record e questo rende il mondo della scuola decisamente più sicuro. Alle 13 di ieri erano ben 7.867 le persone appartenenti a queste categorie che avevano già ricevuto la prima dose di vaccino, quasi due terzi di tutto il personale inserito nella campagna, che ammonta a circa 12.000 persone.

Resta per la verità ancora in attesa quella parte non residente, ma anche per loro saranno approntate nei prossimi giorni le liste per accedere al vaccino.

Ma di fronte all'adesione massiccia alla campagna vaccinale, in Emilia Romagna si comincia a pensare anche a come comportarsi in caso di personale scolastico di nidi e materne contrario alla vaccinazione, in parole povere «no vax». Situazione delicata visto che i bimbi, in questi casi, non indossano mascherine. Non è escluso che nelle prossime settimane si possa valutare la possibilità di un provvedimento simile a quello varato in queste ore dal Governo per il personale sanitario.

Tutto rinviato invece per gli studenti più grandi che dovranno ancora restare davanti ad un computer. Perché possano abbandonare in tutto o in parte la Dad sarà necessario il ritorno di Parma in fascia arancione. Almeno fino a fine aprile.

 

GIUSEPPE MILANO Era stato direttamente il presidente del consiglio Mario Draghi ad annunciarlo: «La scuola fino alla prima media riaprirà dopo Pasqua», zone rosse comprese. Un annuncio seguito da una indicazione ad hoc nel decreto ed ora anche dalle...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal