Sei in Gweb+

Busseto

La protesta degli ambulanti: «Non vogliamo i ristori, vogliamo lavorare. Ridateci la vita»

07 aprile 2021, 05:05

La protesta degli ambulanti: «Non vogliamo i ristori, vogliamo lavorare. Ridateci la vita»

PAOLO PANNI

BUSSETO Ambulanti in piazza ieri mattina a Busseto all’ombra della statua bronzea del maestro Verdi e della Rocca municipale. Per chiedere di tornare a lavorare.

Da quando l’Emilia è tornata in zona rossa, anche per i mercati settimanali è scattato lo stop. Sono rimasti sono gli alimentaristi, per tutti gli altri non c’è possibilità di lavorare con l’ombra del disastro economico che si fa sempre più minacciosa. Per questo, ieri, una decina di ambulanti non alimentaristi (dopo la manifestazione, più massiccia, di sabato a Piacenza) hanno occupato, con i loro furgoni vuoti, piazza Verdi con striscioni molto eloquenti. «Tempo e soldi sono finiti», «Il lavoro è vita, ridateci la nostra vita» e «Non vogliamo i ristori, vogliamo lavorare»: questi i contenuti della loro protesta pacifica. Con tanti cittadini che hanno manifestato solidarietà e sostegno.

Tra loro, anche il sindaco Giancarlo Contini, che li ha incontrati, ha espresso vicinanza ma ha anche ricordato che un sindaco non ha alcun potere per poter riaprire i mercati.

A lui, come agli altri amministratori locali, hanno chiesto di far pressione, in Regione affinché si possa riprendere quanto prima a lavorare, «anche in considerazione del fatto che Parma e Piacenza non hanno numeri da zona rossa». Facendosi portavoce dei colleghi, Francesco Rossi, ha evidenziato che «il disagio nasce dal fatto che in 13 mesi di emergenza pandemica, con chiusure totali o parziali che economicamente ci hanno segnato nel profondo, ancora siamo ad interrogarci se le promesse che da oltre un anno ci accompagnano si concretizzeranno in aiuti che riescano a superare il livello di elemosine. La preoccupazione riguarda le nostre famiglie: come facciamo a mantenerle , mettiamo in tavola una promessa in umido, di secondo un’altra promessa e via dicendo? La nostra protesta riguarda anche la disparità di trattamento con altre categorie commerciali, ad esempio i supermercati ed alcuni negozi specializzati. I casi - ha concluso - sono due: o le decisioni che riguardano la nostra vita sono prese con leggerezza ed incompetenza, da persone supertutelate e che quindi non hanno la sensibilità necessaria a capire cosa ci sta effettivamente accadendo, oppure ci sono altri motivi che, sinceramente, non vorrei neppure pensare».

PAOLO PANNI BUSSETO Ambulanti in piazza ieri mattina a Busseto all’ombra della statua bronzea del maestro Verdi e della Rocca municipale. Per chiedere di tornare a lavorare. Da quando l’Emilia è tornata in zona rossa, anche per i mercati...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal