Sei in Gweb+

CONDANNA

Sei anni al pusher «instancabile» che aveva piazzato 4500 dosi di eroina

08 aprile 2021, 05:06

Sei anni al pusher «instancabile» che aveva piazzato 4500 dosi di eroina

Non era certo l'uomo dei grossi carichi. Eppure era una certezza per le centinaia di anime disperate che ormai lo conoscevano da tempo. Nel giro di qualche anno avrebbe piazzato circa 4500 dosi di eroina, otre a un centinaio di pezzetti hashish. Arrestato lo scorso settembre dai carabinieri, ieri il pusher - 40enne, tunisino - è stato condannato a 6 anni, oltre che al pagamento di 30mila euro di multa. Una pena che avrebbe potuto essere ancora più pesante se non avesse scelto il rito abbreviato, che gli ha consentito di poter beneficiare della riduzione di un terzo.

Da tempo l'attenzione degli investigatori si era concentrata su di lui. Ma sono state le dichiarazioni dei clienti, e in particolare di uno che si riforniva spesso da lui, a mettere in moto le indagini, coordinate dal pm Silvia Zannini. Ed è stata l'analisi dei tabulati telefonici a fare la differenza: chiamate che hanno ricostruito la rete delle persone che si rifornivano dallo spacciatore. Una decina di clienti, inoltre, ha anche confermato di avere acquistato droga dal tunisino, oltre ad averlo riconosciuto in fotografia.

Una vendita al dettaglio, ma costante. E soprattutto redditizia per il pusher, visto che è stato possibile ricostruire una marea di cessioni, soprattutto di eroina, tra il 2015 e il 2020. Il giro d'affari stimato? Circa 225mila euro.

Uno che sapeva muoversi in città, incontrando i clienti un po' ovunque, ma c'era un punto in cui lo si poteva vedere spesso e avere la certezza di poter acquistare eroina o hashish: vicino a una delle sedi dell’Università, in borgo Carissimi. Una zona di grande passaggio di giovani, ma anche molto vicina ai borghi del centro storico.

Le dosi? A volte anche molto meno di un grammo, ma spacciate con una tale assiduità da diventare allarmante. Tanto che lo scorso settembre, su richiesta della procura, il gip aveva firmato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 40enne tunisino. Da allora ad oggi, però, la situazione è cambiata: il pusher è sostanzialmente libero, pur dovendo rispettare l'obbligo di dimora a Parma.

G.Az.

 

Non era certo l'uomo dei grossi carichi. Eppure era una certezza per le centinaia di anime disperate che ormai lo conoscevano da tempo. Nel giro di qualche anno avrebbe piazzato circa 4500 dosi di eroina, otre a un centinaio di pezzetti hashish....

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal