Sei in Gweb+

Il caso

PalaPonti, tre ore di attesa per vaccinarsi: tante richieste di chiarimenti

09 aprile 2021, 05:08

PalaPonti, tre ore di attesa per vaccinarsi: tante richieste di chiarimenti

GIAN LUCA ZURLINI

«Avevamo appuntamento per le 11, siamo arrivati qui alle 10,40, come prescritto, e stiamo uscendo, fortunatamente vaccinati, in questo momento». Sono le 13,40, tre ore dopo il loro arrivo, quando chi scrive incontra una coppia di coniugi che sintetizzano meglio di ogni altra descrizione il caos che ieri mattina, dopo alcuni giorni in cui tutto era filato liscio, si è vissuto al centro vaccinale del Pala Ponti di Moletolo, dove vaccinarsi a un certo punto era diventato una vera e propria "impresa".

LUNGA FILA IN ATTESA
È stato a metà mattina che l'organizzazione delle vaccinazioni è andata letteralmente in tilt: molte le telefonate al centralino della "Gazzetta" per protestare e diverse le foto e i filmati postati sui social per mostrare la situazione che si era creata. I problemi iniziavano dal caos nel parcheggio, pressoché esaurito se non nei posti vicini alla piscina, molto distanti però dall'accesso al punto vaccinale. Decine di persone attendevano in piedi davanti all'ingresso al centro sportivo dove i volontari selezionavano gli accessi facendo riferimento all'orario di prenotazione, anche se molti erano sprovvisti del foglio avendo vista anticipata la propria prenotazione dall'Ausl per via telefonica nei giorni precedenti. Le sedie a rotelle poi non bastavano, visto l'afflusso molto più consistente di persone rispetto ai giorni precedenti (sembra che si sia passati da 1200 a quasi 2000 somministrazioni previste ndr). Il risultato è che, fortunatamente con un tempo clemente, anche se con un'arietta frizzante, si era formato un unico gigantesco serpentone di persone in fila che partiva dalla sede dell'Inzani e arrivava fino ai "banchetti" allestiti sotto i gazebo montati alcuni giorni fa. Che poi erano il punto più critico, perché in molti si sono presentati senza il modulo precompilato e dunque avevano bisogno di assistenza. Una situazione gestita con calma e professionalità da volontari e addetti delle forze dell'ordine, ma che ha visto non pochi disagi per chi si doveva vaccinare, nella stragrande maggioranza anziani, e i loro accompagnatori. Più ordinata, invece, la situazione all'interno del PalaPonti, dove però si accedeva dopo un'attesa variabile fra le 2 ore di chi è arrivato a metà mattinata e la mezz'ora per chi era prenotato da mezzogiorno in poi. Solo dopo le 14 si è tornati ad avere attese più contenute.

ACCOMPAGNATORI DISAGIATI
I disagi si sono amplificati anche per gli accompagnatori, che non venivano fatti entrare al PalaPonti per evitare che ci fossero troppe persone all'interno, ma che dovevano attendere in piedi davanti all'uscita, dove non ci sono sedie o panchine, che uscissero i congiunti vaccinati.

AUSL, LA SPIEGAZIONE
In una nota diffusa in serata l'Ausl spiega che «con l'obiettivo di accelerare ulteriormente la campagna vaccinale avevamo organizzato un numero superiore di vaccinazioni rispetto agli altri giorni e inoltre sono aumentate le richieste di chiarimento prima di vaccinarsi sul vaccino AstraZeneca. Il personale del PalaPonti ha preso in carico le richieste, ma questo ha contribuito all'aumento delle attese delle persone prenotate con la formazione di alcune code. Ci scusiamo con la popolazione per gli eventuali disagi. La situazione dalle 13 è comunque tornata alla normalità».

GIAN LUCA ZURLINI «Avevamo appuntamento per le 11, siamo arrivati qui alle 10,40, come prescritto, e stiamo uscendo, fortunatamente vaccinati, in questo momento». Sono le 13,40, tre ore dopo il loro arrivo, quando chi scrive incontra una coppia di...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal