Sei in Gweb+

Coronavirus

I dimenticati dei vaccini

15 aprile 2021, 05:08

I dimenticati dei vaccini

PAOLO PANNI

Diversi organi di stampa, nei giorni scorsi, hanno dato spazio ai «furbetti» del vaccino, ai saltafila e a coloro che, in qualche modo, avrebbero ottenuto «favori» o «precedenze» nella somministrazione dei vaccini. Servizi interessanti.

Spero che, prima o poi, giornali e televisioni decidano di dare attenzione anche ai «dimenticati» (volutamente) del vaccino. Senza voler cercare alcuna forma di protagonismo, che anzi rifuggo, non esito a scrivere che anche il sottoscritto è tra questi: dimenticato non una ma tre volte. Sono portatore, dalla nascita, di una patologia rara, denominata angioedema ereditario (per la quale sono riconosciuto invalido civile al 55 per cento).

Ormai un mese fa si è riunito il tavolo interregionale malattie rare che ha indicato, ed elencato, le 115 patologie rare da ritenere prioritarie nella vaccinazione anti-Covid. L’elenco di tali patologie è stato distribuito a tutte le Regioni, ma ad oggi solo Campania e Puglia lo hanno recepito e reso pubblico. Le altre, compresa l’Emilia Romagna, se ci sono battano un colpo. A oggi, un mese dopo, tutto tace. Il sottoscritto non è stato contattato dall’Ausl di riferimento, e nelle poche occasioni in cui ho provato a sollecitare, nella migliore delle ipotesi ho ricevuto risposte evasive. In qualche caso anche vere e proprie non risposte.

Il sottoscritto, da molti anni, è anche volontario di Protezione civile con alle spalle esperienze su terremoti, esondazioni e quant’altro. Non è certo stata necessaria la sfera magica per venire a sapere che sulla dirimpettaia sponda del Po, tutti i volontari di Protezione civile della provincia di Cremona sono già stati vaccinati. In Emilia Romagna, ad oggi, i volontari della Protezione civile non hanno ricevuto lo stesso trattamento, ma in compenso si chiede loro di essere operativi, anche nei centri vaccinali. Ormai un mese fa mi sono permesso di scrivere sulla pagina Facebook dell’assessore alla Sanità della Regione Emilia Romagna il quale, a differenza del suo presidente (che mai mi ha degnato di una risposta, nonostante svariati scritti), mi rispondeva che si stavano organizzando per vaccinare i 12mila volontari di Protezione civile emiliano-romagnoli. Un mese dopo si stanno ancora «organizzando»? La Protezione civile, nonostante gli svariati servizi a cui è stata chiamata, in questo anno di pandemia non può essere considerata al pari delle forze dell’ordine? In compenso, leggo che nella Regione Lazio in questi giorni si è deciso di inserire, tra le categorie prioritarie, i detenuti.

Infine, il sottoscritto convive con due genitori anziani fragili, che hanno già ricevuto la prima dose di vaccino. Ma, anche in questo caso, tutto tace.

Mi auguro che, quanto prima, non solo i giornali e le televisioni, ma anche qualche procura della Repubblica inizi a fare luce su queste «stranezze». Nel mio piccolo, mi ricorderò sicuramente di queste cose in cabina elettorale e farò in modo che più persone possibili ne siano al corrente.

 

PAOLO PANNI Diversi organi di stampa, nei giorni scorsi, hanno dato spazio ai «furbetti» del vaccino, ai saltafila e a coloro che, in qualche modo, avrebbero ottenuto «favori» o «precedenze» nella somministrazione dei vaccini. Servizi...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal