Sei in Gweb+

EVENTO

Verola, un neonato dopo 38 anni

di Maria Chiara Pezzani -

16 aprile 2021, 05:08

Verola, un neonato dopo 38 anni

NEVIANO Ha appena tre settimane di vita ma può già vantare un particolare primato: Sebastian Mezzadri è il primo bambino nato dopo 38 anni nella piccola località di Verola, un gruppo di case antiche e costruite in pietra ai piedi dell’omonimo monte, nota per l’antica fontana da cui sgorga acqua di sorgente.

Un borgo in cui abitano tre famiglie, sei abitanti in tutto che ora hanno raggiunto quota sette grazie a questa gioiosa nascita che ha colorato di azzurro la primavera del paese nel comune di Neviano degli Arduini.

Alla felicità di papà Thomas e mamma Sukanya infatti si è sommata quella della comunità.

I due giovani da un paio di anni hanno scelto di vivere in quella casa che la famiglia Mezzadri aveva acquistato da un ventennio.

L’hanno ristrutturata per poi trasferirsi in quel luogo pacifico, lontano dal rumore della città e avvolto nella natura per costruire la loro famiglia, il loro futuro.

Thomas, 40enne originario di Parma, lavora a Lesignano de’ Bagni; la moglie Sukanya Saemgyimg, di origine thailandese, ora accudisce Sebastian supportata dalla nonna Lucilla Ronchini che è subito giunta ad aiutare il figlio e la nuora a prendersi cura del piccolo arrivato, nato lo scorso 22 marzo.

Una scelta forte quella compiuta dalla coppia, che però non ha dubbi: «È stato un cambiamento, ma non siamo spaventati dalla scelta. Le comodità anche se non ci sono uno se le crea – racconta Mezzadri -. Prima lavoravo a Parma, da un anno ho trovato lavoro a Lesignano, così mi sono avvicinato. Abbiamo scelto una vita più tranquilla, più salutare, con maggiori benefici, sia mentali sia fisici».

La notizia della nascita di Sebastian che si è sparsa rapidamente, e in modo molto inaspettato, nel territorio, accolta con gioia e stupore per una nuova vita che profuma di rinascita e futuro per l’intera comunità.