Sei in Gweb+

Via Montanara

Pulmino solidale multato da due vigilesse, esplode la rabbia

25 aprile 2021, 05:05

Pulmino solidale multato da due vigilesse, esplode la rabbia

Il verbale è finito sotto il tergicristallo di un «pulmino solidale», ma alle zelanti vigilesse non è bastato. Stop allo scarico del cibo per famiglie in difficoltà davanti all’Emporio: i volontari hanno dovuto fare la spola con i carrelli avanti e indietro dalla strada per un pezzo, prima che la pattuglia levasse le tende.

Il «fattaccio» risale a martedì mattina e ha lasciato di sale chi ha assistito alla scena in via Veterani dello Sport.

Un’indignazione diffusa e difficile da arginare, considerando la mission istituzionale e riconosciuta da tutti a Parma: Emporio si prende cura di circa 1400 nuclei familiari che non riescono a sbarcare il lunario. Oggi quell’avamposto di speranza, dove gli scaffali sono a portata di ogni tasca, è aperto quattro giorni su sette e il via vai è costante.

Non solo: i volontari fanno anche consegne a domicilio per coloro che non possono muoversi da casa. A nulla sono valse le spiegazioni dei diretti interessati, che da tempo hanno chiesto la possibilità di istituire uno stallo ad hoc per lo scarico della merce, le due agenti non hanno sentito ragioni.

Ma facciamo un passo indietro, attorno alle 10,30 la pattuglia ha fatto capolino in questa costola di via Montanara e sono piovute multe a raffica. Compreso ad uno dei mezzi della realtà solidale, «a onor del vero si tratta di un pulmino nuovo, senza insegne e probabilmente scambiato per un quattroruote qualunque - riavvolge il nastro una voce amica -. Così hanno dato la contravvenzione per divieto di sosta, da 29 euro. Ma la scena più sconvolgente è accaduta subito dopo, quando non contente hanno intimato all’altro furgone – quello più che riconoscibile – di non fermarsi davanti ad Emporio per scaricare gli alimenti». La vicenda ha destato non poco scalpore, tanto che gli animi si stavano surriscaldando, ma i volontari di Emporio, guidati dal responsabile, hanno preferito disinnescare subito il livore diffuso.

«Il mezzo ha parcheggiato lontano, costringendo a un doppio, faticoso lavoro per portare la merce dentro il market». Da parte loro i vertici di Emporio glissano elegantemente: «Il nostro obiettivo? Prenderci cura dei fragili di Parma, non vogliamo fare polemiche».

Chiara Pozzati