Sei in Gweb+

LUTTO

Sorbolo Mezzani, addio a Laura Bergonzi

di Christian Marchi -

29 aprile 2021, 05:05

Sorbolo Mezzani, addio a Laura Bergonzi

Sorbolo Mezzani Una vita spesa a crescere, con amore e felicità, le nuove generazioni di bambini di Casale di Mezzani e Sorbolo. Le due comunità piangono, infatti, Laura Bergonzi, scomparsa nei giorni scorsi all’età di 66 anni a causa di una malattia improvvisa, che in poche settimane non le ha lasciato scampo. Laura è stata educatrice per oltre 50 anni alla scuola dell’infanzia comunale Bruno Agazzi di Sorbolo, che ha contribuito a fondare nel 1977.

Persona amata e ben voluta da tutti, è sempre stata impegnata nel sociale come donatrice Avis, e attiva come fedele e catechista nella comunità di Casale della parrocchia di Mezzani. «Siamo profondamente colpiti e addolorati per questa perdita – la ricorda il circolo Anspi –. Laura, rimasta orfana di padre a soli due anni, ha cominciato fin da giovane ad occuparsi delle necessità della parrocchia: dall’abbellimento dell’altare coi fiori che puntualmente portava ogni sabato pomeriggio, alla preparazione dei canti per le cerimonie religiose. Solare e sempre disponibile, era un punto di riferimento per tutti. Quasi tutti i bambini hanno ricevuto Prima Comunione e Cresima preparati da lei. Collaborava anche all’allestimento della pesca di beneficenza e ha sempre fatto parte del consiglio pastorale. Ha lasciato un segno di umiltà e di dedizione agli altri, senza mai chiedere nulla in cambio». «Il nido – aggiunge l’assessore alle Politiche scolastiche Sandra Boriani – ricorda il grande contributo che Laura Bergonzi ha dato alla nostra comunità: ricordi ed emozioni di tanti anni affiorano alla mia mente e a quella di molti bambini e famiglie, ricordando la grande passione e il grande coinvolgimento che ha trasmesso ogni giorno in ogni sua attività al nido. Tutta l’amministrazione comunale esprime le più sentite condoglianze alla famiglia». La tata Rita, collega dell’«Agazzi», ha voluto inoltre ricordare «frammenti di vita al nido con Laura: dall’arrivo alla mattina carica di materiali naturali raccolti per le attività coi bambini, ai canti preparati con tanto impegno per le feste di Natale». Il professor Francesco Caggio, infine – formatore che ha seguito per anni le educatrici e che ha curato il libro sui trent’anni del nido a Sorbolo nel 2007, a cui Laura ha generosamente contribuito –, la rievoca così: «Perché la ricordo fra centinaia e centinaia di educatrici incontrate nel fare formazione lungo tutti questi anni? Perché era una vivace interlocutrice: presente, partecipe, immediata, sempre cordiale e cortese. Un pensiero forte di stimata simpatia per un’educatrice curiosa, quindi vitale. Dove andrà porterà simpatia!».