Sei in Gweb+

verso il voto

Totosindaco a Fontanellato, in paese c'è chi vuole Sgarbi

29 aprile 2021, 05:04

Totosindaco a Fontanellato, in paese c'è chi vuole Sgarbi

FontanellatoIn questi giorni, cinque anni fa, in paese c’era già il fermento pre-elettorale. Mancavano infatti circa due settimane al giorno della presentazione delle liste che avrebbero partecipato alla tornata elettorale del 5 giugno.

Allora, dal lato del centrosinistra, la situazione era già abbastanza definita: Domenico Altieri, sindaco uscente, aveva comunicato da tempo la sua indisponibilità ad un secondo mandato; la candidatura dell’allora «vice» Francesco Trivelloni era prevista da tempo e si guardava quindi ai movimenti dell’opposizione.

Alla fine, a correre per la poltrona di sindaco sono stati ben cinque candidati, «spianando» così forse un po’ la strada alla compagine guidata dal vicesindaco uscente già forte dell’esperienza maturata negli anni precedenti. Oggi, con le elezioni previste per fine estate o inizio autunno a causa dell’emergenza sanitaria in corso, la scadenza «scalda» ancora poco i cuori dei fontanellatesi e forse anche quelli dei potenziali candidati.

Nessuno, infatti, ha annunciato ufficialmente la propria candidatura, anche è più che probabile quella di Francesco Trivelloni appoggiato dalla stessa squadra che ha guidato in questi cinque anni il Comune. Qualora Trivelloni dovesse fare un passo indietro nei prossimi mesi, l’ipotesi è che la compagine di centrosinistra «schieri» il vicesindaco civico Mattia Rivara.

Tra i candidati sindaco di cinque anni fa, e oggi all’opposizione, il solo a dire «no» ad una corsa in prima persona è stato per il momento Daniele Riva: «l’ho dichiarato subito dopo la sconfitta: in un paese piccolo ci si presenta una volta sola».

Parole che non escludono, però, l’appoggio ad un altro candidato. «Indeciso», alla luce degli attuali impegni professionali, è invece Ubaldo Arduini, cinque anni fa sostenuto dalla lista di centrodestra, e anche il consigliere Mirko Ajolfi, appartenente allo stesso schieramento, potrebbe non essere più della partita.

Più per il «no» che per il «sì», è infine Benito Allegri: «Fontanellato è il mio paese e lo amo e i fontanellatesi sono la mia famiglia: sento che ancora posso dare il mio contributo di idee e i miei consigli da “veterano” potrebbero essere utili, ma dai banchi dell’opposizione si può fare ben poco».

Viste le premesse, in molti ipotizzano che i gruppi di minoranza stiano lavorando per presentarsi uniti, condividendo il candidato sindaco e alcuni nomi di potenziali «sfidanti» sono già stati fatti ma di concreto c’è ancora poco.

Daniele Pincolini, imprenditore conosciuto ed esponente di Forza Italia, smentisce l’ipotesi: «Ho troppi impegni, in azienda e con il partito per impegnarmi nella corsa al Comune. Sosterrò il candidato della coalizione, ma non sarò tra i candidati». Anche Sandro Piovani, indicato da più parti come «sicuro» candidato sindaco, non sarà in corsa né nella lista di centrodestra né in quella di centrosinistra.

«Premesso che nessuno mi ha chiesto di candidarmi, preferisco comunque continuare a fare il giornalista» ha garantito commentando le “voci” di paese».

Tra i «papabili» rimane quindi Giampiero Ferri, titolare del ristorante Europa e non legato a partiti politici.

Spulciando tra le chiacchiere sull’argomento, spunta anche un’ipotesi suggestiva: quella della candidatura del critico d’arte Vittorio Sgarbi, legato a Fontanellato a doppio filo grazie al decennale rapporto di affetto e di collaborazione con Franco Maria Ricci. Ma alla fine, come sempre, bisognerà aspettare di essere ben più vicini alla scadenza per sapere chi, davvero, si presenterà al giudizio dei fontanellatesi.

Chiara De Carli

 

Fontanellato In questi giorni, cinque anni fa, in paese c’era già il fermento pre-elettorale. Mancavano infatti circa due settimane al giorno della presentazione delle liste che avrebbero partecipato alla tornata elettorale del 5 giugno. Allora, dal...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal