Sei in Gweb+

Covid

Bonaccini: «Con le forniture promesse, tutti vaccinati entro l'estate»

03 maggio 2021, 05:07

Bonaccini: «Con le forniture promesse, tutti vaccinati entro l'estate»

Il presidente della Regione vede la luce in fondo al tunnel e più che lanciare avvertimenti su eventuali nuove ondate - di cui nessuno vuole ormai sentir più parlare - preferisce lasciarsi andare a messaggi di speranza. E a promesse precise. «Con le forniture previste nei prossimi mesi per l'Italia, vaccineremo tutti gli emiliano-romagnoli entro l'estate», scrive Stefano Bonaccini sulla sua pagina Facebook, nel post del 1° Maggio, dedicato ai lavoratori.

L'accelerata dell'Emilia Romagna nella somministrazione dei vaccini, secondo il presidente, sarà possibile anche grazie al coinvolgimento dei privati.

«Abbiamo già condiviso protocolli per le vaccinazioni nelle aziende che ne faranno richiesta», scrive Bonaccini, che però non tralascia un richiamo alla prudenza. «La luce in fondo al tunnel che si intravede facciamola diventare realtà».

Nel pomeriggio, il presidente ha poi fissato un altro traguardo. «Obiettivo della campagna vaccinale in Emilia-Romagna di fine maggio è almeno 2,5 milioni di somministrazioni, per superare abbondantemente il milione e mezzo di cittadini già vaccinati con prima o seconda dose».

Oggi l'Ausl sarà impegnata nel vertice di inizio settimana con la Regione per pianificare la campagna delle somministrazioni in base alle scorte e alle nuove forniture e solo al termine dell'incontro sarà possibile programmare gli appuntamenti.

Ma dopo il record raggiunto giovedì, con 4.246 somministrazioni in tutto il Parmense, la macchina delle vaccinazioni è stata costretta a rallentare a causa della mancanza di dosi Pfizer.

L'Ausl ha deciso di rimandare di 12 giorni quasi tremila richiami - per la precisione sono 2.980 - per dare priorità alle prime dosi e iniziare ad immunizzare sempre più persone. La scelta di affidare ad un sms il rinvio dell'appuntamento ha però scatenato proteste e disagi, soprattutto tra i pazienti e gli accompagnatori di quegli anziani che non avendo ricevuto il messaggio si sono presentati a vuoto al Pala Ponti. Dovranno tornare tra poco meno di due settimane.

La campagna vaccinale però non si ferma: in tutto il Parmense, il primo maggio sono state somministrate 3.020 dosi, di cui 2.124 prime dosi e 896 seconde dosi.

Pierluigi Dallapina

Il presidente della Regione vede la luce in fondo al tunnel e più che lanciare avvertimenti su eventuali nuove ondate - di cui nessuno vuole ormai sentir più parlare - preferisce lasciarsi andare a messaggi di speranza. E a promesse precise. «Con le...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal