Sei in Gweb+

Traversetolo

Tragedia sfiorata: pianta si abbatte sui giochi dei bambini

di Maria Chiara Pezzani -

04 maggio 2021, 05:06

Tragedia sfiorata: pianta si abbatte sui giochi dei bambini

Traversetolo - Una pianta alta 30 metri è crollata improvvisamente, abbattendosi a terra, schiacciando con il proprio peso un trampolino, dove fino a pochi istanti prima tre bambini stavano giocando e distruggendo un pollaio.

Non fatica a definirlo «un miracolo» Maristella Mazza Pietranera, ancora scossa dall’accaduto. Quanto successo infatti poteva avere delle conseguenze drammatiche. Le fotografie sono eloquenti: il peso della pianta ha piegato i sostegni in metallo del trampolino, la struttura del pollaio è completamente crollata. Una manciata di secondi prima e quel crollo si sarebbe trasformato in una tragedia. L’episodio è accaduto domenica mattina intorno alle 12 di una casa di Traversetolo. Il figlio di 10 anni della donna stava giocando in giardino con l’amichetto 11enne. Una scena consueta: come ogni domenica mattina dopo la messa, i due trascorrono un po’ di tempo insieme.

Con loro anche la sorella dell’amichetto, appassionata degli animali, delle galline in particolare, ed abitualmente si sofferma ad osservarle nel pollaio. «Ho detto a mia figlia di andare in giardino per parlare un po’ con la ragazza e tenerle compagnia. Così lei è uscita dal pollaio. Proprio in quel momento i bambini, che stavano saltando sul trampolino, sono entrati in casa per prendere fogli e colori per fare un disegno – spiega Mazza Pietranera -. Un attimo dopo ho sentito un gran rumore e mia figlia è corsa dentro per dirmi che era caduta una pianta. Inizialmente pensavo ad un albero da frutto, poi quando sono uscita ho visto il pioppo a terra».L’albero, che si trova a margine del giardino, nella tenuta del vicino, nella sua caduta ha schiacciato la recinzione, il trampolino, il pollaio: se qualcuno si fosse trovato sulla traiettoria non avrebbe avuto scampo.

«L’albero era sano, si trovava lì da 50 anni – continua -. Non so cosa possa essere accaduto. Il pioppo si trovava su un fossato, forse l’erosione dell’acqua ha compromesso le radici. C’è stata qualche folata di vento la mattina, che potrebbe aver contribuito a destabilizzare la pianta». La conta dei danni è ingente, ma come sottolinea Mazza Pietranera nulla può essere più importante dell’incolumità dei bambini. «È stato un miracolo, in tre hanno rischiato la vita – conclude -. Domenica era l’anniversario della morte di mia nonna: un angelo che ha visto dal cielo».