Sei in Gweb+

QUARANT'ANNI DI TIFO CROCIATO

Manfredini: «Annata pessima ma ora ripartiamo compatti»

10 giugno 2021, 05:03

Manfredini: «Annata pessima ma ora ripartiamo compatti»

Vittorio Rotolo

Non c’è pandemia o retrocessione che possa, anche solo minimamente, mettere in discussione il sincero e genuino sentimento dei tifosi nei riguardi della maglia crociata. Un senso di appartenenza profondo e che il Centro di Coordinamento dei Parma Clubs ha voluto rinnovare in occasione della festa per i 40 anni dalla sua fondazione. Al Circolo Toscanini di via Emilia Ovest, in un momento conviviale, si sono ritrovati il consiglio direttivo dell’associazione, con in testa il leader Angelo Manfredini, insieme ai presidenti dei club affiliati e ad una rappresentanza del Parma Calcio, composta dal nuovo responsabile dell’Area metodologica Filippo Galli, dal team manager Alessio Cracolici e dal supporters liason officer Giuseppe Squarcia.

Qualche anno in più

«Il Centro di Coordinamento dei Parma Clubs nasce in realtà nel 1975, ma la sua costituzione vera e propria viene fatta coincidere con il 1981, anno in cui questa associazione venne ufficialmente riconosciuta dal Parma Calcio» racconta Manfredini. «Dal 1985 – prosegue – collaboriamo attivamente con la società: l’allora presidente Ernesto Ceresini ci chiese di dare una mano per tutta una serie di operazioni che riguardavano sostanzialmente la gestione del campo e, poi, per la sicurezza. Proprio in quest’ultimo ambito, abbiamo cominciato ad operare quando ancora non esisteva la figura dello steward allo stadio...» ricorda orgoglioso l’attuale numero uno del Centro di Coordinamento. L’ultima stagione è stata particolarmente tribolata, anche sul campo. «La retrocessione è una ferita che brucia ancora – mastica amaro Manfredini -: è evidente che più di qualcosa non abbia funzionato a dovere, ma crediamo che adesso sia arrivato il momento di voltare pagina. Dobbiamo ricompattarci e guardare avanti, cercando di porre le basi per una immediata risalita. Per quanto mi riguarda sono convinto che il Parma Calcio saprà operare al meglio in sede di mercato, andando a migliorare la qualità dell’organico a disposizione del nuovo mister con elementi di categoria e di comprovato valore».

Con Kalma

Nei giorni scorsi una delegazione del Centro di Coordinamento dei Parma Clubs ha incontrato il nuovo Managing Director Corporate della società crociata, Jaap Kalma. «È stato un incontro molto cordiale e costruttivo – sottolinea Manfredini -: la società ha chiare intenzioni di rilancio ed è consapevole che, per raggiungere determinati obiettivi, sia indispensabile l’apporto dei tifosi. Siamo quindi pronti a fare la nostra parte: al direttore Kalma abbiamo spiegato cos’è il Centro di Coordinamento e in che maniera possiamo essere utili, per il bene del Parma Calcio. Nei nostri confronti abbiamo ravvisato apertura e massima disponibilità. Non avevamo alcun dubbio, al riguardo».

La presenza di Filippo Galli alla festa dei 40 anni del Centro di Coordinamento è stato un ulteriore segnale di attenzione, da parte della società. «Oltre ad essere un grande conoscitore della materia calcistica, Filippo è prima di tutto una persona meravigliosa, che rispetta la componente del tifo e dà valore alla stessa. Appena arrivato a Parma – dice ancora Manfredini -, ha subito voluto immergersi nella dimensione dei sostenitori, apprezzando l’accoglienza e la passione che si respira attorno a questi colori ed alla squadra, malgrado il momento non particolarmente felice».

. Le prossime iniziative? Ci stiamo lavorando, soprattutto su quelle di natura benefica che ci vedono protagonisti da sempre. Ovviamente aspettiamo che la situazione sanitaria migliori. Speriamo di poter organizzare una trasferta a Castelrotto, sede del ritiro».

 

Vittorio Rotolo Non c’è pandemia o retrocessione che possa, anche solo minimamente, mettere in discussione il sincero e genuino sentimento dei tifosi nei riguardi della maglia crociata. Un senso di appartenenza profondo e che il Centro di...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal