Sei in Gweb+

ALLARME

Torrile, raid vandalico nell'oratorio

10 giugno 2021, 05:02

Torrile, raid vandalico nell'oratorio

Chiara De Carli

Il danno economico è lieve - una tapparella vecchia e due vetri - ma in paese la sensazione è che questa volta il gruppo di vandali che da tempo si diverte a danneggiare gli arredi urbani ed edifici pubblici abbia davvero passato il limite. Quella di ieri mattina, è stata la goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo: ad essere preso di mira è stato infatti l’oratorio di San Polo.

A scoprire l’effrazione sono stati i volontari della Caritas locale: arrivati nell’edificio per prepararsi alla distribuzione di generi alimentari in programma per domani, si sono subito accorti della «visita indesiderata». Probabilmente per approfittare del cono d’ombra offerto dal box a lato della canonica, i balordi hanno scelto di forzare la tapparella della finestra della cucina e, una vota aperto un varco, hanno rotto i vetri per aprire la finestra ed entrare. Ma da rubare, in quegli spazi, c’è veramente poco e così chi aveva pensato di fare serata a spese della parrocchia si è dovuto accontentare di qualche bicchiere di limoncino. Un dettaglio che fa pensare che ad agire sia stato lo stesso gruppo di ragazzi che, durante il lockdown, ha saccheggiato la sede degli Amici del Maiale in via Verdi. «La cucina non si usa più da un bel pezzo – ha confermato don Romano Quagliotti -. Approfitteremo di quanto è successo per dare una bella ripulita a tutto». Fortunatamente, negli spazi frequentati dai bambini nessuno è entrato: la porta tagliafuoco che divide la cucina dai saloni non si è piegata al tentativo di scasso. Ieri mattina il sindaco Alessandro Fadda è andato a verificare i danni e a confermare al parroco e ai volontari il sostegno della comunità: «Come sempre in questi casi rivolgo alle famiglie l’invito a parlare con i loro ragazzi e ad informarsi su cosa fanno quando escono e come passano le serate: prevenire è sempre meglio che curare». I carabinieri di Colorno sono al lavoro per dare un nome ai responsabili dell’ennesimo atto vandalico. Dalle prime indiscrezioni sembra che ci siano già degli indizi e che qualcuno, probabilmente nell’aprire la finestra rotta, si sia anche ferito con una scheggia di vetro lasciando diverse gocce di sangue sul pavimento.

 

 

Chiara De Carli Il danno economico è lieve - una tapparella vecchia e due vetri - ma in paese la sensazione è che questa volta il gruppo di vandali che da tempo si diverte a danneggiare gli arredi urbani ed edifici pubblici abbia davvero passato il...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal