Sei in Gweb+

ANNIVERSARIO

I cinquant'anni di solidarietà di Fidas Cerve

21 giugno 2021, 05:04

I cinquant'anni di solidarietà di Fidas Cerve

Vittorio Rotolo

Mezzo secolo di vita appena festeggiato e un totale di 6.900 donazioni dal 1971 ad oggi. Non bisogna aggiungere molto per testimoniare il valore dell’impegno portato avanti, nel nostro territorio, dal gruppo Fidas Cerve, nato all’interno dell’azienda parmigiana leader nel settore del vetro. È infatti sempre stata in prima linea, questa affidabile squadra, offrendo un generoso contributo nella promozione del dono del sangue, grazie all’instancabile operosità di soci e volontari.

Cinquant’anni e non sentirli, proprio in ragione dell’entusiasmo che continua a caratterizzare questi colleghi e amici. Una voglia di fare che non è venuta meno neppure in questi terribili mesi della pandemia. Certo, le restrizioni hanno impedito l’organizzazione di cene, gite ed eventi, di cui il gruppo si è sempre fatto promotore. Ma i 148 donatori attivi che compongono oggi l’associazione hanno continuato a fare la loro parte, allungando il proprio braccio nella consapevolezza di quanto importante sia donare una parte di se stessi a chi, di quel sangue, ha bisogno.

Fidas Cerve ha saputo rimanere fedele alle finalità di solidarietà sociale evidenziate già nell’atto costitutivo che il 23 maggio 1971 ne sancì la nascita. Rileggendo oggi i passaggi più significativi di quel documento, ci si rende conto di quanto tali principi siano ancora validi ed attualissimi. «Propagandare il principio altamente umanitario dell’offerta libera, anonima e gratuita del sangue, divulgare i criteri informativi delle pratiche trasfusionali, collaborare con altre associazioni di volontariato alla sensibilizzazione del dono del sangue e degli organi».

Alle campagne per la ricerca di nuovi donatori, lanciate da Fidas Cerve, ha aderito nel tempo un numero crescente di giovani. Attiva la partecipazione di familiari e di una quindicina di soci sostenitori, in larga parte ex donatori. Tra le iniziative promosse pure un torneo di tennis.

Il gruppo di donatori Fidas Cerve è attualmente presieduto da Cristiano Giampietri, coadiuvato dalle vicepresidenti Rossana Ori e Rosa Trionfo, dall’amministratore Angela Anedda, dal segretario Andrea Fontana e dall’addetto sanitario Antonio Albertini. Lo staff beneficia dell'apporto della presidente onoraria Anna Maria Galloni, «memoria storica» dell’associazione.

«La base è sempre stata molto forte ed unita, incoraggiata anche dal sostegno dei vertici aziendali che non hanno fatto mai mancare la propria vicinanza: con l’attuale presidente della Cerve, Giovanni Bormioli, lo scambio di idee su attività e progetti è continuo» afferma Galloni. «Donare sangue è una esperienza umana bellissima e profonda, che riconcilia con la vita - aggiunge -. Il miglior augurio per questi cinquant’anni è che il nostro gruppo possa continuare ad andare avanti, con rinnovato slancio. E quando questa emergenza sarà passata, torneremo a proporre incontri, cene ed escursioni. Ma, prima di tutto, organizzeremo una bella festa per celebrare al meglio la ricorrenza. È una promessa».

 

Vittorio Rotolo Mezzo secolo di vita appena festeggiato e un totale di 6.900 donazioni dal 1971 ad oggi. Non bisogna aggiungere molto per testimoniare il valore dell’impegno portato avanti, nel nostro territorio, dal gruppo Fidas Cerve, nato...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal