Sei in Gweb+

Verso le Olimpiadi

Folorunso e El Fathaoui da Mattarella

24 giugno 2021, 05:03

Folorunso e El Fathaoui da Mattarella

Due parmigiani alla corte del Presidente Mattarella. Sono Ayomide Folorunso e Yassine El Fathaoui, atleti rispettivamente Cus Parma e Forrest Group Circolo Minerva che ieri hanno vestito la stessa divisa: quella della nazionale italiana di atletica leggera.

A un mese esatto dai Giochi di Tokyo, entrambi sono stati invitati dalla Federazione alla cerimonia di consegna della bandiera tricolore da parte del Capo dello Stato ad una delegazione della squadra olimpica azzurra, accompagnata dal presidente Fidal Stefano Mei.

Nei Giardini del Palazzo del Quirinale il Presidente della Repubblica ha accolto oltre 200 tra atlete e atleti, olimpici e paralimpici, di diverse discipline, tecnici e dirigenti, guidati dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, dal presidente del Comitato Paralimpico Italiano, Luca Pancalli e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, Valentina Vezzali.Per l’atletica leggera erano presenti Roberta Bruni (salto con l’asta), Leonardo Fabbri e Zane Weir (getto del peso), Eleonora Giorgi (20 km marcia), Larissa Iapichino (salto in lungo), Marcell Jacobs (100 metri) e Davide Re (400 metri), e poi Ayomide Folorunso (400 ostacoli) e Yassine El Fathaoui (maratona).

Per «Ayo», in forza al gruppo sportivo delle Fiamme Oro, quella di Tokyo non sarà la prima olimpiade. Già nel 2016, a Rio del Janeiro, aveva conquistato la finale con la staffetta 4×400 e la semifinale nella gara individuale dei 400 m ostacoli. Yassine, invece, non ha mai gareggiato con la maglia azzurra.

Al momento le convocazioni non sono ancora state diramate e non si sa chi correrà la maratona a Sapporo insieme a Eyob Faniel, la cui partecipazione è praticamente scontata.

I nomi dei prescelti saranno comunicati la prossima settimana, dopo i Campionati italiani Assoluti che si terranno a Rovereto dal 25 al 27 giugno, ultima occasione prima di Tokyo per l’assalto allo standard olimpico.

Certo è che per un atleta cresciuto tra gli amatori parmigiani, che è riuscito a conquistare due minimi olimpici in quattro mesi pur lavorando a tempo pieno in officina (Yassine è operaio metalmeccanico alla Fornovo Gas di Traversetolo), arrivare al cospetto del Presidente della Repubblica con la divisa della nazione è un traguardo importante.Il Capo dello Stato ha consegnato a Jessica Rossi ed Elia Viviani e agli atleti paralimpici Bebe Vio e Federico Morlacchi le bandiere con cui sfileranno alle cerimonie di apertura dei Giochi, rispettivamente il 23 luglio e il 24 agosto.

E proprio il 23 luglio Mattarella festeggerà i suoi 80 anni.

«Saremo ancora più onorati di portare quel vessillo e di ricordare che lei è il nostro Capitano», ha commentato Malagò. Il Presidente, dal canto suo, ha sottolineato come la consegna del tricolore sia «un’occasione di festa per l’intera comunità nazionale». «Questi sono Giochi che segnano il desiderio di ripartenza – ha aggiunto -. Lo sport contiene un carico di speranza che va oltre il suo ambito, nella prima edizione dei Giochi dopo la pandemia. Vi seguiremo e, statene certi, saremo con voi».

Laura Ugolotti

 

Due parmigiani alla corte del Presidente Mattarella. Sono Ayomide Folorunso e Yassine El Fathaoui, atleti rispettivamente Cus Parma e Forrest Group Circolo Minerva che ieri hanno vestito la stessa divisa: quella della nazionale italiana di atletica...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal