Sei in Gweb+

IL BILANCIO DELL'INPS

Pensioni, 6mila in meno nel privato (dal 2016). Ma il Covid fa lievitare le ore di cassa integrazione

15 luglio 2021, 05:01

Pensioni, 6mila in meno nel privato (dal 2016). Ma il Covid fa lievitare le ore di cassa integrazione

Pierluigi Dallapina

Cala il numero delle pensioni erogate dall'Inps in tutta la provincia di Parma. In cinque anni sono seimila in meno quelle erogate nel settore privato: nel 2020 erano infatti 136.249 le persone che percepivano una pensione (con un importo medio mensile di poco superiore ai mille euro), mentre nel 2016 erano 142.278, con un importo che mediamente si attestava attorno ai 920 euro. Non certo una pensione d'oro. Ma se dal settore privato ci si sposta in quello pubblico, le cifre si fanno più interessanti e il numero dei pensionati aumenta (+902) invece di diminuire.

I medici i più pagati

Le 21.820 persone che nel 2020 percepivano una pensione pubblica potevano contare su un assegno mensile che in media sfiorava i 1.900 euro. Nel 2016 l'importo era di poco superiore ai 1.770 euro e gli aventi diritto erano quasi mille in meno.

Ma nel settore pubblico la media appiattisce ciò che invece presenta forti differenze, e per capirlo basta guardare le nuove erogazioni alle diverse categorie di dipendenti. Ad un ex insegnante degli asili e delle scuole elementari parificate sono riconosciuti 1.457 euro, che salgono a poco più di 1.650 per un ex ufficiale giudiziario e un ex dipendente degli enti locali, fino ad arrivare a 1.889 euro nel caso di ex dipendenti statali. Sempre «pochi» se confrontati ai 4.500 euro a cui hanno diritto gli ex sanitari. Nel 2020 l'Inps ha erogato 56 nuove pensioni di questo importo, che rientrano nelle 759 complessive erogate ai sanitari.

Restando nel settore pubblico, l'anno scorso il maggior numero delle pensioni è stato pagato agli ex dipendenti statali (10.825) e agli ex dipendenti degli enti locali (10.114).

Ai dipendenti 1.300 euro

Nel settore privato la maggior parte delle pensioni (57.608) è destinata agli ex lavoratori dipendenti (che in media incassano ogni mese poco più di 1.300 euro), seguiti dagli ex lavoratori autonomi 48.849 (che percepiscono un importo medio di 979 euro). I 6.598 lavoratori subordinati devono accontentarsi di cifre più contenute: circa 227 euro mensili.

Nel suo report l'Inps ha misurato anche la tempestività con cui avviene la prima liquidazione: per quanto riguarda le pensioni private a Parma avviene entro 15 giorni nell'80% dei casi, mentre per quanto riguarda quelle pubbliche si raggiunge il 100% entro tre giorni.

Le invalidità

L'istituto però deve occuparsi anche dell'erogazione delle pensioni e delle indennità di invalidità: nel 2020 il totale di quelle vigenti era di 16.492 (importo medio mensile di 441,56 euro), mentre quelle liquidate erano 2.672 (importo medio 485,75 euro). Nel 70% dei casi la prima liquidazione delle prestazioni per invalidità civile avviene entro 15 giorni.

 

 

 

Pierluigi Dallapina Cala il numero delle pensioni erogate dall'Inps in tutta la provincia di Parma. In cinque anni sono seimila in meno quelle erogate nel settore privato: nel 2020 erano infatti 136.249 le persone che percepivano una pensione (con...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal