Sei in Gweb+

Intervista

Caccamo a Salso: «Così mi insegnò Battiato»

16 luglio 2021, 05:02

Caccamo a Salso: «Così mi insegnò Battiato»

Lucia Brighenti

 

Cantautore scoperto da Franco Battiato, vincitore della categoria «Nuove proposte» al Festival di Sanremo 2015, autore per Patty Pravo, Malika Ayane, Emma... Giovanni Caccamo sarà alla Pinko Arena estiva di Parco Mazzini a Salsomaggiore, domenica alle 21, per il suo «Parola. Anteprima tour», con Michele Placido (che impreziosirà lo spettacolo con interventi letterario-teatrali) e il produttore e polistrumentista Leonardo Milani. Presenta in anteprima il concept album «Parola», in cui ogni canzone è ispirata da un testo letterario: «Questo disco è nato come risposta a un appello fatto da Andrea Camilleri, – spiega Caccamo – che ha invitato i giovani a costruire un nuovo umanesimo della parola, dicendo che “Le parole sono pietre, possono essere pallottole”. Ho pensato di raccogliere l'appello,scrivendo un album ispirato a testi di autori italiani o stranieri contemporanei. Ogni canzone ha un'introduzione strumentale di Leonardo Milani, e una voce d'eccezione che legge il testo».

Qualche esempio?

«“Aurora” è nata dal testo di Battiato e Sgalambro “I'm that”, letto dalla voce di Willem Dafoe. Da qualche settimana è inoltre uscito il singolo di “Canta”, canzone ispirata alla lettera scritta ai figli da Ernesto Guevara dalla Bolivia, letta dalla figlia di Guevara. Nel tour verrà svelata “Evoluzione”, ispirata a una poesia di Gesualdo Bufalino, recitata dal vivo da Michele Placido».

Dal punto di vista musicale quali sono le caratteristiche dell'album?

«Se nell'album precedente, “Eterno”, avevo scelto l'orchestra sinfonica per un disco classico e senza tempo, qui l'obiettivo era una ricerca sui suoni elettronici, mantenendo però una delicatezza, un'elettronica-analogica ricercata, che ho trovato grazie a Leonardo Milani».

Quali le tematiche affrontate dai testi?

«Quelle che sento più urgenti: il bisogno di tornare a credere nelle arti come nutrimento dell’anima, il desiderio di una società in cui ognuno si senta rappresentato, in cui la diversità non sia un limite ma una risorsa, l’ecologia...».

Lei è stato scoperto da Battiato, recentemente scomparso. Come lo ricorda?

«Il più grande dono che mi ha consegnato è l'approccio alla vita e all'arte: scardinare l'arte dal fine, non creare mai una canzone o vivere una carriera artistica basandosi su risultati commerciali, ma capire qual è il nostro dono. Il mio credo sia l'essere portavoce e testimone delle storie che mi circondano».

Prevendite: Iat Salsomaggiore (tel. 0524 580211), Iat Fidenza Village (0524 335556) e www.boxol.it.

 

Lucia Brighenti Cantautore scoperto da Franco Battiato, vincitore della categoria «Nuove proposte» al Festival di Sanremo 2015, autore per Patty Pravo, Malika Ayane, Emma... Giovanni Caccamo sarà alla Pinko Arena estiva di Parco Mazzini a...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal