Sei in Gweb+

SALSOMAGGIORE

Morì a 30 anni un mese dopo l'incidente: condannato l'autista

17 luglio 2021, 05:04

Morì a 30 anni un mese dopo l'incidente: condannato l'autista

L'auto che corre lungo l'anello del parco Mazzini, si schianta contro un'altra utilitaria parcheggiata finendo una trentina di metri più avanti. E il passeggero che muore un mese e cinque giorni dopo quell'incidente, all'inizio apparso nemmeno così grave. Settimane di cure e terapie, anche un intervento chirurgico, ma una tromboembolia spezza improvvisamente ogni speranza.

Origini albanesi, 30 anni, se ne era andato quando ormai sembrava aver superato il periodo più critico. Ma quella morte non fu causata da qualche sottovalutazione o negligenza medica: fu quel maledetto incidente, secondo il consulente dell'accusa, il medico legale Lorenzo Marinelli, a causare le lesioni che poi scatenarono anche l'embolia. E nei giorni scorsi il giudice Alessandro Conti ha condannato l'autista - 35enne, albanese - a 1 anno per omicidio colposo. Il pm Laila Papotti aveva chiesto 4 mesi in più.

Dobbiamo fare un passo indietro lungo quasi sei anni. Ma c'è chi ricorda ancora la corsa folle di quella Fiat Punto il pomeriggio del 5 novembre 2015 . Un rombo, il sibilo delle gomme sull'asfalto e poi l'impatto contro una Renault Mégane parcheggiata a lato della strada, all'altezza di via del Macello. La macchina era stata sbalzata sul marciapiede, mentre la Punto era finita all'altezza dell'entrata del minigolf. Dopo lo schianto era scoppiato anche un parapiglia tra i due albanesi a bordo dell'auto e alcuni passanti, tanto che era arrivata una pattuglia dei carabinieri, oltre a quella degli agenti delle Terre Verdiane impegnata sui rilievi dell'incidente.

Insomma, nonostante l'auto avesse la fiancata destra completamente distrutta, la condizione in particolare del passeggero non era apparsa disperata. Le lesioni e le fratture emerse dopo il ricovero in ospedale, però, avevano fatto emergere un quadro preoccupante. Che tuttavia, considerando la giovane età, era rimasto per settimane sotto controllo. Fino a quell'embolia improvvisa. E fatale. L'ultima - tragica - conseguenza di quell'incidente, secondo il giudice.

Georgia Azzali

 

L'auto che corre lungo l'anello del parco Mazzini, si schianta contro un'altra utilitaria parcheggiata finendo una trentina di metri più avanti. E il passeggero che muore un mese e cinque giorni dopo quell'incidente, all'inizio apparso nemmeno...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal