Sei in Gweb+

Intervista

Elio sabato a Traversetolo: «Nella vita è importante ridere»

02 settembre 2021, 05:02

Elio sabato a Traversetolo: «Nella vita è importante ridere»

«Pierino e il lupo», un grande classico della musica e della letteratura adatto per i grandi e per i piccoli, tornerà in scena sabato alle 21 nella Corte Agresti di Traversetolo per il festival «Musica a corte», organizzato dal Comune di Traversetolo con l’APS Rinascimento 2.0 e realizzato anche con il contributo della Regione Emilia Romagna e di Opem spa.

La parte musicale è affidata alla Filarmonica dell’Opera Italiana «Bruno Bartoletti», diretta da Danilo Grassi con la partecipazione straordinaria di Cesareo degli Elio e Le Storie Tese; la voce sarà proprio quella di Elio, in passato più volte narratore dell’opera: «Pierino e il lupo è un classico. Passano gli anni ma piace sempre e riscuote sempre successo. Soprattutto serve perché i personaggi e gli animali della favola sono interpretati dai vari strumenti come il flauto, l’oboe, il clarinetto, eccetera e in questo modo i bambini imparano il nome, la forma e il suono degli strumenti dell’orchestra. L’ho fatto già tantissime volte e vedo che piace anche agli adulti».

Sarà anche l’occasione per ritrovare sul palco non solo Cesareo, chitarrista degli Elii, ma anche il traversetolese Danilo Grassi...

«Danilo è una persona alla quale sono molto affezionato e con cui ho lavorato tante volte. Siamo diventati amici e ci siamo trovati d’accordo su tanti aspetti della musica e della vita. Sono molto contento di incontrarlo sul palcoscenico a Parma».

Oltre all’opera e a qualche aria lirica suonerete anche alcune canzoni degli Elio e Le Storie Tese; come sono suonate dall’orchestra?

«Alcune suonano meglio dell’originale. Abbiamo cercato di scegliere quelle, anche per la gioia di rieseguirle insieme anche con Cesareo, che ha accettato di unirsi a questa festa dove canteremo ancora canzoni degli Elio e le Storie Tese che non canto da vari anni ormai».

Da quando vi siete sciolti?

«In realtà il fatto di esserci sciolti è una scorciatoia un po’ imposta dalla stampa. Noi non ci siamo veramente sciolti, abbiamo solo interrotto le attività ma abbiamo dovuto dire che ci siamo sciolti per evitare complicazioni e incomprensioni. Noi ci vediamo sempre e ogni tanto facciamo qualcosa, ma l’attività principale, che era quella di fare i dischi, è interrotta».

Quindi, il punto sul futuro del gruppo è un punto di domanda?

«Il punto di domanda io lo metto su qualunque cosa, anche sulla vita stessa. La scelta che abbiamo fatto deriva dal fatto che Rocco Tanica, pezzo importantissimo della band, ci ha detto che non se la sentiva più di esibirsi. Ne abbiamo preso atto e siamo andati avanti per alcuni anni. Però non era più la stessa cosa e a un certo punto noi abbiamo preso la scelta di fermarci. Quello che accadrà dopo io non lo so...».

Nella sua vita artistica c’è il rock, il pop, la classica, la lirica, le canzoni di Jannacci che porta in giro in questo periodo; come concilia mondi apparentemente così lontani?

«Nella mia testa sono molto vicini... non pretendo che possano piacere a tutti, ma quando mi si dà la possibilità faccio volentieri di tutto».

Quanto è importante ridere?

«Per me è sempre stato importantissimo. Ho portarlo il ridere nei miei brani e nelle cose che facevo sia con Elio e le Storie Tese che per conto mio. Io non posso farne a meno».

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazioni allo 0521/842436 o sul sito del Comune. Si entra muniti di mascherina e di green pass.

Pierangelo Pettenati

 

«Pierino e il lupo», un grande classico della musica e della letteratura adatto per i grandi e per i piccoli, tornerà in scena sabato alle 21 nella Corte Agresti di Traversetolo per il festival «Musica a corte», organizzato dal Comune di Traversetolo...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal