Sei in Gweb+

Boom di prenotazioni

Green pass day, è corsa ai tamponi

14 ottobre 2021, 05:08

Green pass day, è corsa ai tamponi

Da domani, per accedere a qualsiasi luogo di lavoro sarà necessario esibire il Green pass, che attesta di aver fatto la vaccinazione anti-Covid, di essere guariti dalla malattia negli ultimi 6 mesi o di essere negativi al test antigenico rapido (nelle ultime 48 ore), o al molecolare (nelle ultime 72).

I lavoratori che, per motivi diversi da un’esenzione, scelgono di non sottoporsi all’inoculazione, dovranno quindi certificare quasi quotidianamente la loro negatività al virus. E per farlo dovranno ricorrere ai tamponi che, su richiesta, vengono effettuati in farmacia, dove è possibile sottoporsi solo al test rapido, al prezzo calmierato di 15 euro, o nei laboratori d’analisi privati, che non sono tenuti a proporre lo stesso costo e che analizzano anche i molecolari.

In città, la richiesta è aumentata.

«Riusciamo, a malapena, a gestire le prenotazioni: la domanda è spaventosa e le richieste arrivano in continuazione anche per i giorni a venire, fino alla fine dell’anno - conferma Enrico Bruschi, della Farmacia Ponte Dattaro -. Per far fronte a questa fase, abbiamo esteso il personale e aumentato le ore, perché è difficile trovare infermieri. Bisogna, inoltre, tenere presenti anche i tamponi che dovremo fare ai ragazzini sotto i 12 anni che, non potendo accedere al vaccino, avranno bisogno della certificazione per le attività sportive. Da qui in avanti si scatenerà il pandemonio». Dalla Farmacia Fratelli Caberti di via Trento confermano il fisiologico aumento della domanda, tanto da non prendere le prenotazioni a lungo termine, cioè quelle spalmate nelle prossime settimane.

Alla Farmacia Gibertini, in via Repubblica, è necessario prenotare perché ci sono giorni, come i lunedì e i mercoledì, più affollati di altri. Dalla Farmacia Mentana, dove i tamponi vengono eseguiti solo su appuntamento, suggeriscono che «prima si prenota meglio è, perché in giornata è sempre difficile trovare un appuntamento, anche se qualche eccezione si può fare».

Alla Farmacia Prati Bocchi di via Gramsci, come confermato da Nicola Turco, i primi posti disponibili vanno a martedì prossimo: «L’aumento c’è stato e ci sono persone che prenotano anche per le prossime settimane, sperando che tutto termini il 31 dicembre».

«La richiesta è incredibile ed è necessario prenotare, anche se ci sono giornate meno affollate di altre. Oggi, per esempio, i numeri sono altissimi, visto che domani scatta l’obbligo - spiega Mario Alessandro Spotti, della Farmacia Fornari di via Farini, che nella struttura ha una stanza adibita e che fa circa 8 test al giorno -. Abbiamo iniziato con i ragazzini che fanno attività sportiva, con gli under 12 che possono solo tamponarsi, poi con gli universitari e ora con i lavoratori. La disponibilità c’è ancora, ma in molti si stanno accorgendo adesso di non riuscire a mettersi in regola in tempo con il lavoro. Io sono abbastanza preoccupato per i prossimi giorni, perché i test saranno concentrati negli orari utili per i lavoratori e ci saranno problemi di numeri e spazi».

Alessandro Moretti, della Farmacia Mantovani di via Garibaldi, non registra un forte aumento delle domande, ma sottolinea la necessità di prenotare, «per evitare che si crei il caos».

I numeri calano leggermente, invece, nei laboratori privati, probabilmente anche per i diversi costi degli esami. Al Centro medico Spallanzani, per esempio un tampone rapido costa 45 euro e un molecolare 112, al Poliambulatorio Dalla Rosa Prati, 35 il primo e 92 il secondo, mentre alla Città di Parma, dove iniziano ad arrivare richieste di informazioni per prenotazioni a lungo termine, il rapido ha lo stesso prezzo della farmacia (15 euro), ma per il molecolare servono 85 euro.

Al Gemini (dove il prezzo del test veloce è di 25 euro, mentre l’altro è di 100 euro), invece, le domande sono tantissime ed è consigliata la prenotazione.

Giovanna Pavesi

 

Da domani, per accedere a qualsiasi luogo di lavoro sarà necessario esibire il Green pass, che attesta di aver fatto la vaccinazione anti-Covid, di essere guariti dalla malattia negli ultimi 6 mesi o di essere negativi al test antigenico rapido...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal