Sei in Gweb+

SUPEREVISOR

È made in Parma la «Bibbia» online dei veicoli elettrici

16 ottobre 2021, 05:04

È made in Parma la «Bibbia» online dei veicoli elettrici

Di mobilità elettrica ne sentiamo parlare continuamente, di questi tempi: è un ambito al centro della grande trasformazione che riguarda l’industria dell’automotive. Ma se, finora, districarsi nel mare magnum delle informazioni che si possono reperire in rete, relativamente alle diverse tipologie di veicoli presenti sul mercato, nonché ai prodotti ed ai servizi collegati, risultava arduo, da oggi la soluzione è a portata di mano. E di clic. Si chiama Superevisor ed è un’idea nata proprio nella nostra città, grazie alla felice intuizione di Luca Mamiani, imprenditore parmigiano con una vera passione per il design e le automobili.

Si tratta della prima piattaforma globale – già operativa e che comprende sia un sito web (www.superevisor.com) che una App disponibile per dispositivi Apple e Android – nella quale gli utenti possono condividere informazioni reali e trasparenti sull’universo della mobilità elettrica, con uno scambio continuo e reciproco delle esperienze d’uso quotidiane.

Il sito è multilingua (per adesso italiano e inglese, ma presto se ne aggiungeranno altre) e strutturato in maniera intuitiva, con uno stile grafico essenziale. La home page offre una panoramica dettagliata sulle molteplici aree tematiche, offrendo funzioni di ricerca ed un accesso rapido alle pagine, attraverso una suddivisione ben ordinata delle categorie: auto, moto, e-bikes e monopattini, concessionarie, punti di ricarica, rivenditori di prodotti e servizi, eventi di mobilità elettrica, soluzioni per l’industria e la nautica, destinazioni, media. Persino officine specializzate nella riparazione dei telai di veicoli elettrici, gommisti ed assicurazioni.

Prodotti e recensioni

Chi vuol abbracciare l’elettrico, insomma, su Superevisor trova proprio tutto ciò che serve. «È una piattaforma in continua evoluzione ed alimentata dagli stessi utenti che, oltre a lasciare recensioni e commenti o rivolgere le proprie domande alle aziende, hanno anche la possibilità di aggiungere nuovi prodotti e servizi» spiega Mamiani, che ha fondato il sito web superevisor.com insieme a Sandro e Roberto Graiff.

«Sono in viaggio e mi fermo per ricaricare il veicolo: mi accorgo che quella colonnina non è stata ancora inserita sulla piattaforma. Bene: in pochi istanti posso creare la nuova scheda-prodotto. Naturalmente ogni inserimento necessita dell’approvazione del nostro team di moderazione, che segue un rigido sistema di controllo e verifica».

A propiziare la nascita di Superevisor, è stata un’esigenza personale dello stesso Mamiani. «Dovevo acquistare un’auto elettrica e cercavo riscontri da parte delle persone che lo avevano già fatto» rivela il Ceo di Superevisor. «Volevo capire cosa pensasse esattamente chi aveva già effettuato la transizione all’elettrico, quali servizi o accessori fossero necessari. Una ricerca che, sui vari media, si è rivelata estremamente complessa: non esisteva infatti alcun sito dedicato alle recensioni dei veicoli».

Inseguendo TripAdvisor

Altre piattaforme sono nate per il desiderio di ricevere più informazioni. «Pure TripAdvisor, per citare un’esperienza di piattaforma di successo, è nata così: il fondatore doveva partire per il Messico e non riusciva a trovare informazioni sulle strutture che aveva prenotato. La mobilità elettrica – osserva Mamiani – è una dimensione nuova e, in parte, ancora poco conosciuta: gli utenti hanno bisogno di punti di riferimento affidabili per fare acquisti consapevoli, mentre per le aziende l’interazione con i feedback dei clienti stessi rappresenta una indispensabile forma di dialogo. Superevisor è il luogo d’incontro ideale: una piattaforma dove socializzare ed avere una visione più chiara, ricca ed articolata sull’intera filiera dell’e-mobility».

Vittorio Rotolo

 

Di mobilità elettrica ne sentiamo parlare continuamente, di questi tempi: è un ambito al centro della grande trasformazione che riguarda l’industria dell’automotive. Ma se, finora, districarsi nel mare magnum delle informazioni che si possono reperire...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal