×
×
☰ MENU

La ricetta Motorola del display flessibile

La ricetta Motorola del display flessibile

24 Novembre 2019,10:00

Insieme al 5G, avrebbe dovuto essere tra le tendenze del 2019, ma la tecnologia degli schermi flessibili sta incontrando maggiori difficoltà del previsto. Il caso che ha registrato più clamore è quello del Galaxy fold, lo smartphone di Samsung salutato in febbraio come apripista per l’innovativa categoria. Dopo le problematiche dei primi esemplari, silenzi e rinvii, sembra arriverà comunque anche in Italia a metà dicembre al prezzo di 2050 euro. 
Nel discorso si inserisce adesso Motorola, storico marchio americano che dal 2014 fa capo al colosso cinese Lenovo e che è pronto a lanciare sempre entro l’anno, a 1599 euro, la sua interpretazione di smartphone dotato di display flessibile. 
Richiamo al passato
Rispetto al Fold e agli altri dispositivi simili presentati finora, che si aprono tipo libro espandendo lo schermo del telefonino verso le dimensioni di un tablet, la ricetta del nuovo Motorola razr guarda al passato di modelli iconici come lo Startac degli anni ‘90 o  il Razr v3 del 2004. La caratteristiche del display flessibile viene quindi sfruttata per recuperare un form factor compatto, con lo schermo che quando non si usa si richiude a conchiglia su se stesso. R.A. 
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI