×
×
☰ MENU

COLLECCHIO

Addio a Camillo Soncini, una «colonna» della comunità

Addio a Camillo Soncini, una «colonna» della comunità

17 Dicembre 2021,03:01

Addio a Camillo Soncini, 96 anni, protagonista di quasi un secolo di storia di Collecchio. Estroverso, cordiale e grande comunicatore, ha vissuto in prima persona la storia del suo paese: fu membro del Comitato di liberazione nazionale, alla fine della seconda guerra mondiale. Antifascista convinto, collaborò alla rinascita politica di Collecchio, prima della costituzione del primo consiglio comunale post bellico. Ha dedicato la propria vita alla sua comunità, alla famiglia e al lavoro.

Nato nel 1925, era figlio di Pietro Soncini, noto meccanico del tempo, e di Firmina Bertoli. Primo di tre fratelli - Camillo, Giancarlo e Guido - si diplomò in ragioneria, per entrare giovanissimo come impiegato nella gloriosa fornace di mattoni Mutti, dove lavorò per 40 anni, andando in pensione agli inizi degli anni Ottanta e meritandosi l’onorificenza di Maestro del Lavoro. Sposatosi agli inizi degli anni Cinquanta con Vanda Gatti, il suo matrimonio fu, poi, coronato dalla nascita delle figlie Margherita e Anna e dall’arrivo di nipoti e pronipoti. Gioviale, socievole, dotato di grande umanità e intelligenza, Camillo Soncini, è stato tra i soci fondatori dell’Assistenza volontaria di Collecchio, Sala e Felino, sodalizio a cui ha dedicato grande impegno e dedizione, convinto del suo valore e della sua utilità per la comunità. Si distinse anche in ambito sportivo: fu presidente e socio fondatore del softball Collecchio e collaborò per trent’anni circa con le parrocchie di Collecchio, Gaiano e Madregolo nella realizzazione del notiziario parrocchiale.

Curioso, amabile, sensibile, lascia un grande vuoto nella sua comunità. «Per noi – lo ricordano gli amici – è stato un esempio, un modello di impegno e di dedizione sul campo. Ci mancherà». Da oltre venti anni, poi, coltivava l’hobby della raccolta di santini: ne ha collezionati migliaia e nel 2014, in occasione del settembre collecchiese, ha organizzato, al circolo Il Colle, la mostra «I santini, testimoni di fede cristiana».

Grande giocatore di briscola e di scopa, si è sempre tenuto aggiornato leggendo la «Gazzetta di Parma» e anche i quotidiani nazionali. Lo piangono le figlie e i parenti tutti. I funerali si svolgeranno oggi, alle 15.10, nella chiesa parrocchiale di Collecchio.

G.C.Z.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI