×
×
☰ MENU

Covid

Passeggero senza mascherina: insulti e parapiglia sul Parma-Suzzara

Passeggero senza mascherina: insulti e parapiglia sul Parma-Suzzara

di Christian Marchi

31 Dicembre 2021,03:01

Sorbolo Ha inscenato un «dramma» alla richiesta della capotreno di indossare la mascherina ffp2. E l’ha pure aggredita più volte, per fortuna soltanto verbalmente. È quanto successo sul convoglio 90318 della linea ferroviaria Parma-Suzzara ieri mattina tra le stazioni reggiane di Lentigione e Brescello. E quanto succede, ogni giorno, dall’entrata in vigore della recente normativa del 24 dicembre sulla linea interprovinciale sempre sotto la lente di polemiche, disservizi ed episodi negativi. Ancora una volta, ieri, un uomo, salito a Lentigione, alla richiesta di indossare il dispositivo di protezione adeguato, ha iniziato a inveire contro il personale della Tper, insultandolo e facendo spaventare tutti gli altri passeggeri.

Fortunatamente, prima che la situazione degenerasse, un pendolare è corso in aiuto della capotreno e un amico dell’aggressore gli ha prestato la mascherina consona, nonostante l’abbia dovuto convincere ancora a lungo prima di fargliela indossare. «Dopo l’aggressione fisica avvenuta ai danni di un capotreno ieri l’altro a Carpi e delle tante segnalazioni arrivate dal personale di controllo dei mezzi di trasporto sul non rispetto della nuova normativa – ha commentato il segretario generale Uil-trasporti Emilia-Romagna, Fabio Piccinini –, esprimo la mia preoccupazione in merito al fatto gravissimo accaduto ieri sulla Parma-Suzzara e auspico che ci possano essere maggiori controlli, in particolari sulle linee periferiche. Richiediamo più ispezioni da parte delle forze dell’ordine: la politica deve giocare il suo ruolo fondamentale, in quanto una volta approvata la legge, non può permettersi di scaricare la responsabilità sul personale atto alla controlleria. Esprimo la mia solidarietà a tutti gli addetti e ai lavoratori che hanno subito sia aggressioni fisiche che verbali, agli agenti di pubblico servizio che vengono ripetutamente offesi, e per questo restiamo a disposizione per tutelare ogni lavoratore con ogni azione nel perimetro sindacale per il rispetto della dignità e la sicurezza di ogni lavoratore».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI