×
×
☰ MENU

FICTION

Giulia D'Aloia, il sogno del set diventa realtà

Giulia D'Aloia, il sogno del set diventa realtà

di Claudia Olimpia Rossi

16 Gennaio 2022,03:01

Da Parma alla ribalta nazionale: l’attrice Giulia D’Aloia sarà su Rai 1 nella fiction “La Sposa” (da questa sera) e nella serie “Nero a metà 3”. Raggiunta in partenza per Milano, dov’è attesa sul set di “Marta&Eva”, la serie tv di Rai Gulp che intreccia amicizia, talento e passione, Giulia lascia affiorare dall’intervista sui brillanti esordi nel mondo dello spettacolo i valori di quest’opera cult per i giovani.

Parmigiana d’adozione, con origini beneventane, dopo la maturità al liceo classico Romagnosi della nostra città ha scelto la carriera artistica sempre sognata, superando la selezione d’ingresso all’Accademia Silvio D’Amico di Roma. «Sono stati anni - racconta - molto impegnativi, tuttavia mi hanno insegnato una disciplina e un rigore che porto sempre con me, insieme alla mia caratteristica principale, cioè mettere entusiasmo in tutto quello che faccio. Ho avuto la fortuna di lavorare con professionisti anche umanamente straordinari, come Claudio Amendola, regista di “Nero a metà 3”, Giacomo Campiotti e Claudio Norza. Credo che la cosa bella del set sia il lavoro di squadra, il sentirsi un po’ famiglia. Ogni progetto mi sta lasciando qualcosa d’importante sia dal punto di vista lavorativo che personale, anche per le tematiche di cultura sociale che affrontano e sono felice di poter veicolare».

Con la freschezza dei suoi 24 anni, per gli spettatori di Rai Gulp in “Marta &Eva” l’attrice è Sofia, una ragazza dall’anima green che affronta i problemi ambientali con spirito d’iniziativa. Ne “La Sposa”, calata nella Calabria degli anni ‘60, dove vigeva il triste fenomeno del matrimonio per procura, Giulia vestirà i panni di Luisa, dolce, solare e ribelle, decisa ad affermare la propria volontà. «Si tratta di temi attualissimi. L’intraprendenza di Sofia - prosegue - nell’organizzare momenti di sensibilizzazione su problemi oggi così centrali spero possa ispirare i ragazzi. Nella fiction “La Sposa”, diretta da Giacomo Campiotti, Luisa, il personaggio che interpreto, sorella della protagonista Maria, porta un messaggio di libertà in un’Italia in cui le donne ancora faticavano a far sentire la propria voce. Ho dovuto affrontare sfide nuove: calarmi in un tempo che non ho vissuto e recitare in dialetto calabrese, con l’aiuto di un coach».

Tra le tappe più care della formazione professionale, Giulia D’Aloia serba nel cuore lo spettacolo teatrale “Schnell”, in tournée nelle province del sud fino all’avvento della pandemia, sullo sterminio degli ebrei. La vocazione per il mestiere d’attrice l’accompagna dai primi passi. «Da che io ricordi - le sue parole - ho sempre voluto recitare. Quando ero bambina organizzavo spettacoli, di cui ero autrice, regista, attrice, scenografa e costumista, con gli amici, allestendo un teatro improvvisato nella piazza di San Lupo, il mio paese natale».

Giulia D’Aloia punta sul futuro i riflettori del suo entusiasmo, illuminando il palcoscenico della vita. «Sono solo all’inizio della mia formazione artistica. In questo momento mi sto dedicando al set, ma mi piacerebbe anche tornare al teatro, il mio primo amore. Vorrei esplorare tutte le mie potenzialità artistiche».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI