×
×
☰ MENU

SALSO

Un nuovo disco «autunnale» per Frambati, Mangoni e Indelicato

Un nuovo disco «autunnale» per Frambati, Mangoni e Indelicato

19 Gennaio 2022,03:01

«Impressioni di novembre»: è il titolo del nuovo album composto da tre musicisti ben conosciuti in ambito locale e non solo: i salsesi Fabio Frambati (trombe, flicorno) e Jerry Mangoni (pianoforte e sintetizzatori), e Michele Indelicato (basso elettrico fretless), barese di origine, ma parmigiano d’adozione.

Disponibile su Spotify e su https://soundcloud.com/frambatiindelicatomangoni , «Impressioni di Novembre» riprende il titolo di uno storico brano della Pfm. «Un giorno mi contatta Fabio - ricorda Jerry -, ci conosciamo da sempre, e mi dice: “Ti devo parlare, ho in mente di registrare un album con te e Michele, musica tra ambient, jazz, ed elettronica. Ottimo rispondo io, quando cominciamo? E Fabio aggiunge: sto scrivendo melodie autunnali, ed essendo nati tutti e tre in novembre, lo intitolerei “Impressioni di novembre”».

Inutile dire che Jerry e Michele hanno condiviso subito l’idea e si sono messi al lavoro. I tre artisti si gettano nella composizione, e nascono i nove brani. É un disco permeato da ampie e colorate melodie, che leggono il cadere delle foglie gialle sui campi, e sono punteggiate da una sottile pioggia novembrina. Aggiunge Michele: «Il progetto di potrebbe anche definire ”fusion” in quanto le sonorità sono ben disposte a fondersi con altre espressioni artistiche per offrire una visione più a 360 gradi dell’arte nel suo significato assoluto».

«Sicuramente – spiega Fabio- l’idea è di portare live il materiale; ci siamo divertiti tantissimo a comporre e registrare i brani. La loro collocazione è indubbiamente in qualche teatro o club, dove le nostre sonorità possono svilupparsi al meglio».

Il lavoro è stato realizzato presso «The Dolmen Studio» di Jerry Mangoni, che ha mixato e prodotto; le foto di copertina sono di Liliana Brambilla e la composizione e l’arrangiamento dei brani realizzati dai tre musicisti. Puntualmente disegnati dalla tromba e dal flicorno, accompagnati e sottolineati dal pianoforte e accarezzati dai sintetizzatori, impreziositi dall’elegante lavoro al basso elettrico, i brani che compongono il disco, descrivono ampi paesaggi sonori che avvolgono l’ascoltatore.

A.S.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI