×
×
☰ MENU

Fontanellato

«Meglio in carcere che con la mia compagna»

«Meglio in carcere che con la mia compagna»

21 Gennaio 2022,03:01

Fontanellato «Meglio il carcere che in casa con la mia compagna». E’ questo che deve aver valutato il cinquantenne calabrese «pizzicato» nel primo pomeriggio di mercoledì scorso dai carabinieri di Fontanellato mentre camminava per le strade di Sissa, diretto verso la caserma locale.

Pluripregiudicato, criminale di lungo corso, con sentenze passate in giudicato per gravi reati contro la persona, l’uomo era stato condannato ad un lungo periodo di pena detentiva da scontare agli arresti domiciliari nella casa, appunto, della compagna. Ma, evidentemente, la condizione era risultata più gravosa del previsto e l’uomo ha quindi deciso di «consegnarsi» ai militari.

Detto e fatto: affiancato a poche centinaia di metri dalla porta di casa dalla pattuglia dei carabinieri, il 50enne non ha opposto alcun tipo di resistenza al controllo e, dopo essere stato accompagnato in caserma a Fidenza, è stato foto-segnalato e dichiarato in arresto per evasione. Trascorsa la notte in cella di sicurezza, come disposto dall’autorità giudiziaria, ieri è stato accompagnato al Tribunale di Parma e, nel rispondere della sua condotta il pluripregiudicato ha richiesto l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere.

Ma il giudice ha evidentemente deciso che i reati commessi valevano «il massimo della pena» e lo ha rispedito nella stessa abitazione da cui, pur consapevole di aggiungere un ulteriore reato alla sua lunga lista, era evaso.

r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI