×
×
☰ MENU

Il dolore degli ex allievi

È morto Amedeo Leoncini Bartoli, professore e avvocato

È morto Amedeo Leoncini Bartoli, professore e avvocato

di Mara Varoli

24 Gennaio 2022,03:01

Nobile nello spirito e sulla carta, con quel rigore etico che plasmava la sua persona. Era elegante e colto Amedeo Leoncini Bartoli, professore universitario e avvocato, scomparso all'età di 81 anni. Un uomo che si faceva voler bene, anche per la sua spiccata ironia e per le sue battute, che molti ricordano in tribunale.

Nato il 27 ottobre del 1940 a Lecce, ha visto la luce mentre gli inglesi bombardavano dal mare la zona del porto. E da lì non ha mai smesso di combattere per i suoi alti ideali. Di storica famiglia umbra, il padre Luigi era stato trasferito in Puglia per lavoro: direttore della Banca commerciale italiana. Poi, insieme alla moglie Francesca Crescimbeni e ai figli, il padre Luigi andò a Roma. Fino al 1948, quando divenne direttore della Banca commerciale di Parma. E ancora a Milano, in qualità di vice dell'allora presidente della Banca commerciale italiana Raffaele Mattioli: un amico fraterno, tanto che fu padrino dello stesso Amedeo. Ma Luigi nel 1953 morì e la moglie da Milano tornò a Parma, dove viveva la figlia Isabella. Così per Amedeo Leoncini Bartoli Parma divenne la città della sua vita.

Dopo i Salesiani, prese la maturità al liceo classico Maria Luigia e si laureò in Giurisprudenza nel 1964 con 110 e lode. Dal matrimonio con Paola Bianchedi, ebbe quattro figli: Alessandra, scomparsa quando era piccola, Luigi, avvocato, Antonella, impiegata, e Massimo che lavora in una banca in Svizzera. Dopo la laurea, Amedeo Leoncini Bartoli si distinse subito per le sue capacità e divenne assistente del professore Giancarlo Venturini. Avvocato civilista dal 1965, nei primi anni Ottanta divenne professore universitario di Diritto internazionale privato: fu uno dei primi ad occuparsi di Diritto comunitario e ad organizzare viaggi a Bruxelles. Una vita dedicata allo studio e alla ricerca: diverse le sue pubblicazioni e ben due voci scritte per l'enciclopedia giuridica Treccani sul Diritto internazionale privato. Quarant'anni in cattedra all'Università di Parma: un docente molto amato dagli ex allievi. Perché Amedeo Leoncini Bartoli era un professore severo, esigente, ma sapeva insegnare l'etica del giurista.

Un professore che trasmetteva l'amore per la materia: «Dopo 42 anni al suo fianco, sono molto addolorata e faccio fatica a pensare che non ci sarà più - confessa l'avvocato Laura Acquistapace -. Da quando ero sua allieva: un professore straordinario, competente. Che gli piaceva tanto insegnare. All'apparenza burbero, ma diretto e concreto. E con quell'ironia tagliente, che conquistava tutti». Un docente e un avvocato molto stimato. In ambito civile, Leoncini Bartoli si è occupato di innumerevoli casi, tra i tanti per il diritto di famiglia e di locazione.

Lavoro, studio e famiglia: i figli, la compagna Gabriella Manelli, ex preside del liceo Romagnosi, e i nipoti: Adelaide, Alessia, Francesca e Leonardo. Una persona capace di condividere: non si può dimenticare il suo impegno per l'attività culturale del Romagnosi e per l'Anpi, insieme alla Manelli.

E dopo l'ultimo saluto che avverrà in forma privata, le sue ceneri torneranno sui colli Umbri. Là a Bevagna, vicino a Perugia, dove la sua storica e nobile famiglia ha origine. Su quei colli che guardano quel lago Aiso, dove San Francesco si fermò a parlare agli uccelli. Questo era il luogo del cuore, ma sono tanti i viaggi in tutto il mondo che lo hanno accompagnato, dal Sud America all'Oriente, sempre nel nome della sua grande passione: la storia e la ricerca delle civiltà sepolte.

Amedeo Leoncini Bartoli era affezionato anche al nostro Appennino, in particolare a Berceto, dove trascorreva le estati insieme al cognato Massimo Bonati.

Rimane il ricordo di un uomo colto, di classe e di buon cuore. Che si è fatto conoscere per la correttezza e per il senso dell'onore, che sempre hanno dato respiro al suo animo nobile.

Mara Varoli

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI