×
×
☰ MENU

COMUNE

Per il Consiglio un 2021 di superlavoro

Per il Consiglio un 2021 di superlavoro

di Gian Luca Zurlini

26 Gennaio 2022,03:01

Il consiglio comunale, nonostante la presenza sempre incombente del Covid, ha lavorato a pieno ritmo durante il 2021. E quasi sempre a ranghi compatti, visto che nessuna seduta è stata cancellata o sospesa per mancanza del numero legale e fra i 33 consiglieri (32 più il sindaco), ben 9 sono risultati sempre presenti nelle 32 sedute che sono state convocate nel corso del 2021 e altri 9 hanno registrato soltanto un'assenza.

Gli «stakanovisti»

Fra i 9 sempre presenti ai consigli comunali, guidati dal presidente Alessandro Tassi Carboni, ci sono 7 consiglieri di Effetto Parma, ma anche due consiglieri del Pd, forza di minoranza, Caterina Bonetti e Sandro Campanini. Nella maggioranza non sono mai mancati invece all'appello Nadia Buetto, Cristina Di Patria, Davide Graziani, Roberto Massari, Valeria Ronchini e Leonardo Spadi, oltre a Tassi Carboni. Fra chi ha collezionato 31 presenze su 32 ci sono gli altri due consiglieri del Pd, il capogruppo Lorenzo Lavagetto e Daria Jacopozzi e il capogruppo di Parma protagonista Giuseppe Massari fra la minoranza, mentre per Effetto Parma ci sono il capogruppo Cristian Salzano, Ferdinando De Maria, Stefano Fornari, Alessandro Mallozzi, Nabila Mhaidra e Roberto Schiaretti.

I più assenti

Nessun consigliere è mancato a più di un terzo delle sedute, un dato anomalo rispetto alle precedenti legislature. La meno presente è stata l'ex leghista Luni Colla, ora passata al gruppo Misto, che ha comunque partecipato al 69 per cento delle sedute, 22 su 32. La deputata della Lega Laura Cavandoli, nonostante il doppio incarico istituzionale, ha comunque partecipato a 23 sedute, il 72%, mentre tra le file del gruppo di maggioranza il meno presente, ma con il 75% di partecipazione, è stato Roberto Bozzani. Il sindaco Federico Pizzarotti è invece mancato a 6 consigli comunali ed è quintultimo nella classifica delle presenze.

Le commissioni

A battere tutti nel numero delle presenze nelle commissioni è il capogruppo leghista Emiliano Occhi, che ha partecipato nell'anno a ben 69 sedute, mentre il minor numero di presenze è Stefano Fornari con 7, che però sono tutte quelle convocate dall'unica commissione di cui è membro, quella del Personale.

Il bilancio del presidente

Il presidente Alessandro Tassi Carboni si dice soddisfatto del bilancio del consiglio comunale del 2021: «Abbiamo una presenza di consiglieri sempre alta, non solo della maggioranza ma anche della minoranza. In 32 sedute, molte delle quali tenute anche online a causa del Covid fino a maggio, abbiamo discusso e votato 81 delibere e 49 mozioni e di queste ultime circa la metà (24) erano sul bilancio. Inoltre è stata data risposta a 94 interrogazioni. Numeri importanti, considerato che i consiglieri comunali hanno solo un gettone di presenza quasi simbolico e dunque il loro impegno è quasi di volontariato». Il presidente sottolinea che «c'è stato un clima costruttivo e rispettoso fra maggioranza e opposizione, tanto che le riunioni dei capigruppo hanno sempre fatto le proprie scelte all'unanimità e in consiglio non ci sono mai state scelte ostruzionistiche da parte di nessuno. Il 2021 è stato un altro anno difficile a causa della pandemia ed è stato triste anche dover rinunciare per mesi ai consigli in presenza e rinunciare al pubblico per buona parte dell'anno, ma siamo comunque riusciti a garantire il funzionamento del consiglio». Alla vigilia degli ultimi mesi di mandato Tassi Carboni chiude con un annuncio e un auspicio: «Nella prossima seduta approveremo il nuovo regolamento del consiglio, che lasceremo in eredità e prevede maggiore elasticità del dibattito. Da parte mia auspico che i consiglieri possano in futuro avere un ruolo sempre più importante di stimolo all'azione della Giunta».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI