×
×
☰ MENU

VIA GARIBALDI

Scippò una pensionata, 27enne condannato

Scippò una pensionata, 27enne condannato

15 Marzo 2022,03:01

«Ho preso la borsa, ma poi l'ho buttata a terra quando stavano per prendermi. Non ho fatto male alla signora». E poi ancora: «Non le ho fatto nulla», ripete in collegamento dal carcere, mentre segue il processo. Ha 27 anni e un volto da ragazzino, ma la droga si è già mangiata gran parte della sua vita. E per la dose è già finito più volte nei guai. Due settimane fa l'ultima, quando aveva tentato di scappare con la borsetta di una pensionata. Il giudice Beatrice Purita, pur riconoscendogli il vizio parziale di mente, come accertato da una recente perizia psichiatrica disposta per un altro procedimento giudiziario, che il difensore Stefano Antenucci ha prodotto, lo ha condannato a 2 anni e 8 mesi per furto aggravato, oltre al pagamento di 650 euro di multa: la stessa pena richiesta dal pubblico ministero Massimo Porta. Al ragazzo è stata anche revocata la condizionale di cui beneficiava per una condanna dello scorso anno.

Origini thailandesi, ma cresciuto a Parma, aveva già provato a lasciarsi tutto alle spalle entrando in comunità: per due volte aveva terminato il programma, ma poco dopo essere uscito i vecchi fantasmi erano tornati. Ancora la droga. E il bisogno di soldi.

Come la mattina del primo marzo scorso, poco dopo le 10, quando scapparsene via con la borsetta di quella pensionata gli era sembrato di una semplicità assoluta. Aveva visto la donna, 84 anni, scendere dalla bicicletta e avvicinarsi all'edicola di barriera Garibaldi. Ma soprattutto aveva buttato l'occhio sulla borsa della donna. Poi l'azione era stata rapidissima. Anche se le versioni sul furto non sono coincidenti: il ragazzo racconta di aver sfilato la borsetta dal cestino. E anche l'anziana, in un primo momento, aveva ricostruito la stessa sequenza, ma poi ha anche parlato di uno strappo deciso. In ogni caso, fortunatamente, la donna non è caduta. E c'è chi si è subito lanciato alla rincorsa del ladro, in fuga verso viale Toschi.

Aveva macinato qualche decina di metri, ma uno dei due inseguitori - in bicicletta - l'ha raggiunto in un lampo. E anche l'altro, seppure a piedi, si era avvicinato rapidamente al ragazzo. Che a quel punto aveva lasciato cadere a terra la borsetta. Poi era stato bloccato dai due, mentre nel frattempo era arrivata anche una pattuglia di carabinieri della vicina stazione di Parma centro.

Un nuovo arresto per il ragazzo. E ieri un'altra condanna. Mentre la pensionata, quel primo marzo, si era ritrovata poco dopo i carabinieri alla porta di casa con in mano quella borsetta che aveva ormai dato per persa.

Georgia Azzali

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI