×
×
☰ MENU

Langhirano

Sicurezza sulla Massese: il problema resta irrisolto

Sicurezza sulla Massese: il problema resta irrisolto

di Maria Chiara Pezzani

16 Aprile 2022,03:01

Langhirano Si è parlato nuovamente della Massese nella seduta del Consiglio comunale. Due le interrogazioni discusse, che hanno riproposto il tema della sicurezza lungo l’arteria, in particolare all’altezza dell’incrocio con strada della Badia, teatro del tragico incidente in cui - a gennaio - persero la vita tre ragazzi.

La prima interrogazione è stata presentata dalla consigliera indipendente Federica Di Martino che ha chiesto, tra l’altro, aggiornamenti circa la situazione del progetto della rotatoria; se è già stato approvato dalla Giunta e il motivo per cui non sono stati adottati altri provvedimenti per ridurre il rischio di incidenti. «Il Comune ha provveduto a realizzare un progetto, anche se non ha la competenza della strada, per accelerare i tempi, ma non è stato approvato perché manca la fonte di finanziamento. Deve essere definita la quota di Anas – ha spiegato il sindaco Giordano Bricoli -. Mancando questo elemento non si può considerare esecutivo e quindi non è stato approvato. La prossima settimana incontreremo l’amministratore delegato di Anas e speriamo in una soluzione».

Bricoli poi ha spiegato l’intervento svolto sulla viabilità nei pressi dell’incrocio, con il divieto di svolta a sinistra da entrambi i lati per evitare pericoli nell’attraversare la strada. «Il Comune ha fatto di più di quello che gli compete, l’elenco non comprende la pressione su Anas per arrivare alla soluzione».

Ma proprio la nuova viabilità è stata al centro dell’interrogazione presentata dal capogruppo di «Concretezza e Buon senso» Enrico Sicuri, secondo il quale «ha di fatto spostato il problema all’uscita del paese, già difficoltoso dopo che è stata tolta la corsia di immissione» e che, come ha evidenziato, non viene rispettata da molti automobilisti. Ha poi richiesto «un’ottimizzazione degli interventi delle forze dell’ordine», che a suo dire, dovrebbero essere più presenti in prossimità dell’incrocio rispetto ad altri punti. «Lascerei la competenza alle forze dell’ordine – ha risposto il sindaco -. Sulla Massese la presenza è quotidiana. L’attività però è molto ampia, si fanno anche controlli di altro tipo. Il Comune ha dato indicazione di verificare l’incrocio perché anche a noi sono giunte segnalazioni – ha concluso -, ma non si può essere sempre in quel punto e non si può dire di non fare un provvedimento perché non viene rispettato. Le regole sono fatte per essere rispettate e ci si affida al fatto che i cittadini partecipino con senso del dovere».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI