×
×
☰ MENU

Lavori

Tanti investimenti a Bedonia. Aspettando il Piano Borghi

Tanti investimenti a Bedonia. Aspettando il Piano Borghi

di Monica Rossi

23 Maggio 2022,03:01

Tempo di importanti bilanci, per l’amministrazione comunale, che dal 2019 a oggi ha quasi raddoppiato gli investimenti passando da oltre 659mila a più di 1.172.000 euro. Diversi i progetti sul tavolo, alcuni dei quali in attesa di definizione perché, come anticipa il sindaco Gianpaolo Serpagli, «prima di indire le gare, dobbiamo aspettare le interpretazioni del decreto per la revisione dei prezzi».

Tra i via libera, la copertura di via Aldo Moro sulla Pelpirana. «Siamo partiti con la sistemazione e messa in sicurezza di questa infrastruttura storica, che ha più di 50 anni, attraversa il centro del paese e risente del tempo. Grazie a un contributo della Regione Emilia-Romagna di 300mila euro, che segue quello in fase di ultimazione di 200mila euro, dovremmo riuscire a completare la messa in sicurezza».

È atteso poi il via ai lavori di ampliamento del cimitero di Caneso e di Carniglia. Soldi, tanti benché i prezzi attuali riducano la portata degli interventi, anche per le strade frazionali (circa 240 km lineari). «Ci dedicheremo sia a quelle che ricadono nella Valtaro, sia a quelle della bassa e alta Valceno: saranno infatti asfaltati i tratti tra Ponte Strambo, Alpe e Montarsiccio (grazie anche al Consorzio di Bonifica), quelli tra il Passo dei Morti, Cornolo e Casamurata e infine quelli che interessano Volpara, Fontanino e alcuni altri tratti della Valceno. Faremo inoltre alcuni interventi nelle frazioni vicine al capoluogo, come Prato e la Libbia. In totale andremo a investire su asfalti e messa in sicurezza di alcuni ponti oltre 265mila euro».

Per le scuole, Serpagli ricorda quanto portato a casa all’interno del bando del Ministero dell’Interno per la messa in sicurezza degli edifici pubblici: il Comune di Bedonia era risultato assegnatario di 800mila euro per l’adeguamento sismico delle elementari e medie. «Stando alle analisi preventive condotte, la cifra, benché sostanziosa, potrebbe però non bastare per le medie. Stiamo quindi valutando il da farsi».

La riqualificazione del patrimonio edilizio esistente interessa anche la Sala della Banda in Peschiera, che «sarà totalmente rifatta e include, al piano superiore, una sala per il co-working. L’operazione prevede una spesa di circa 400mila euro, di cui il 30% frutto di un bando della Regione», dice Serpagli.

A proposito di bandi, Bedonia aveva sfiorato il colpaccio dei 20 milioni di euro della Linea A per il Piano Nazionale Borghi. «Non ce l’abbiamo fatta, benché fossimo arrivati a pari merito con il comune cui è stata poi riconosciuta la vittoria. Ora, confidiamo nella Linea B: a breve dovrebbero uscire i risultati e siamo ottimisti. Abbiamo puntato, come progettualità, sul rilancio dell’economia e dunque sulla creazione di nuovi posti di lavoro. L’idea è di dare corso a un incubatoio di start up. Crediamo di aver presentato un progetto di valore coinvolgendo molte aziende e professionisti locali».

Monica Rossi

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI