×
×
☰ MENU

POLEMICA

Oggi debutta il luna park della discordia in via Casati Confalonieri

Oggi debutta il luna park della discordia in via Casati Confalonieri

28 Maggio 2022,03:01

L’arrivo del lunapark non è per tutti una buona notizia: per qualcuno – i residenti di largo Confalonieri – è, anzi, una «sgradita sorpresa». Da oggi fino al 19 giugno le giostre occuperanno l’area parcheggio di via Casati Confalonieri e il lato nord dell’area di parcheggio lungo largo Beccaria (da anni l’evento si svolgeva in Cittadella – sicuramente luogo «più fresco e consono» dicono alcuni giostrai –, ma a causa di lavori di manutenzione all’impianto di illuminazione, la location è cambiata).

Gli abitanti della zona non sono molto entusiasti: «L’attuale amministrazione comunale, con l’improvviso ed inaspettato riposizionamento del lunapark nel parcheggio di via Confalonieri, ha preso una decisione molto punitiva per i residenti» afferma la portavoce Paola Donelli, riportando il generale malcontento. La preoccupazione sta nel rumore, nella «musica ad alto volume a tutte le ore», negli «schiamazzi», problemi nel trovare parcheggio e dell’intralcio alla viabilità.

«Il piazzale è di fronte alla chiesa di San Marco, ad un grande condominio, alla sede di un sindacato, al Cral dell’ospedale e a strutture sportive – riprendono i cittadini –. Il frastuono delle giostre accompagnerà le funzioni religiose, compresi i funerali, allieterà fino a tarda notte i residenti e l’eliminazione dei parcheggi creerà non pochi problemi». Inoltre, «il quartiere ha una viabilità a dir poco discutibile» fanno notare. Le lamentele proseguono: «I “baracconi” sotto casa sono fonte soltanto di disagi – continuano –. A nulla sono valse le segnalazioni effettuate al Comitato di Quartiere e le lettere inviate alle funzioni preposte dell’amministrazione comunale».

La soluzione per i cittadini sarebbe stata molto semplice: «Riproporre il lunapark nella zona parcheggio del Campus, dove di solito si svolge quello di San Giuseppe».

Il malcontento era stato espresso anche diversi giorni prima l’arrivo dei giostrai, con l’affissione di alcuni cartelli decisamente eloquenti: «No ai baracconi» si può ancora leggere su un foglio appeso sopra le indicazioni stradali del parcheggio del Palasport. Un gesto che non ha lasciato indifferenti i giostrai: «Quando abbiamo visto questi cartelli ci siamo rimasti molto male – ammette Vincenzo La Scala, rappresentante dei giostrai –. Non è stata una bella accoglienza». «La Cittadella sarebbe stato il luogo ideale – riflette La Scala –, ma non è colpa nostra se è stato scelto largo Confalonieri. Mi spiace – conclude – che si crei il problema ancora prima di partire, senza aspettare di vedere come davvero il tutto procederà».

A.Pin.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI