×
×
☰ MENU

scippo e violenza

La figlia della donna aggredita in via Brescia: «Mia madre massacrata per duecento euro»

La figlia della donna aggredita in via Brescia: «Mia madre massacrata per duecento euro»

di Michele Ceparano

29 Giugno 2022,03:01

«Mia madre massacrata per duecento euro». Il giorno dopo lo scippo di via Brescia, parla la figlia della donna di 63 anni aggredita brutalmente e derubata da due balordi. Ripercorre l'episodio, che mantiene i riflettori puntati sulla sicurezza in città, e che alla luce del racconto della donna potrebbe trasformarsi in rapina. Sua madre, dopo la terribile disavventura accadutale lunedì, ha dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale.

Nell'aggressione la 63enne, vedova di un poliziotto molto conosciuto in città, ha subito la perdita di parecchi denti e ha riportato contusioni ovunque. È stata dimessa nella serata di lunedì con trenta giorni di prognosi ma ieri è dovuta tornare al Maggiore per nuovi controlli. Non riesce a parlare per le ferite alla bocca ed è terribilmente choccata per quello che ha dovuto subire. Buttata a terra e malmenata. Tutto per rubarle la borsetta.

È sua figlia, dunque, che torna con le sue parole a riavvolgere il nastro di quei terribili istanti che, come sottolinea, «oltre ai danni fisici riportati da mia madre, ci hanno tolto la serenità». Che vale immensamente di più di qualche biglietto da cinquanta euro, obiettivo di quei criminali da strada. «E poi c'è l'amarezza - sospira - che tutto questo sia accaduto nel quartiere in cui viviamo da sempre».

«Mia madre stava tornando a casa (la signora abita in zona San Leonardo, ndr) dal centro a piedi da sola» spiega. Prima di imboccare via Brescia, in via Monte Corno, una laterale di via Trento, la 63enne ha notato un uomo che la fissava in un modo inquietante. Ha, comunque, tirato dritto ma quel tipo, descritto come fisicamente imponente, ha iniziato a seguirla con le peggiori intenzioni. «Percorso qualche metro - continua la figlia - la mamma ha detto di aver sentito un gran rumore dietro di sé, sempre più vicino. Come, lo ha definito così, di “cavalli in corsa”». Era, invece, il malvivente all'attacco. «È arrivato correndo all'impazzata - il racconto si fa denso di emozione - e l'ha spinta per terra, facendole sbattere la faccia sull'asfalto». Poi, con inaudita violenza, siccome la donna ha cercato di rialzarsi, «le ha piantato un piede contro una spalla schiacciandola per impedirle di muoversi e, dopo averle strappato la borsa, si è dileguato».

L'aggressore, comunque, non sarebbe stato solo, anche se la donna avrebbe visto solamente una persona. Entrambi, aggressore e complice, ora sono braccati dai carabinieri.

Durante il brutale episodio, in via Brescia stavano passando alcuni giovani che hanno dato l'allarme prestando i primi soccorsi alla donna, ferita e terrorizzata. «Il loro intervento è stato provvidenziale - dice ancora la figlia -. Nella caduta mia madre ha perso tutti i denti ma, se avesse battuto la testa, poteva addirittura andarle peggio». Nel frattempo sono arrivati l'ambulanza e i carabinieri che hanno fatto scattare la caccia all'uomo.

Chi ha aggredito la donna, arraffati duecento euro che erano nel portafoglio, poco lontano da via Brescia si è sbarazzato della borsa che è stata trovata da un passante dalle parti della stazione. Così la famiglia della 63enne ha potuto recuperare gli effetti personali. «Un signore ha trovato la borsa su un muretto - racconta - e l'ha portata nel bar della stazione. All'interno c'era tutto, documenti, chiavi di casa e dell'auto. Mancavano solo i duecento euro». L'unica cosa che interessava a quei balordi, capaci di massacrare una persona per un po' di denaro.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • Simone

    29 Giugno 2022 - 08:38

    a Parma la situazione é fuori controllo! come un po in tutta Italia. Purtroppo abbiamo una politica non miope ma non vederte! i nostri politicanti vivono una vita totalmente diversa da quella delle persone comuni dove questi reati non esistono.

    Rispondi

  • giulio1963

    29 Giugno 2022 - 08:35

    Ma il nuovo sindaco, fra le priorità non ha la sicurezza, bravi parmigiani.

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI