×
×
☰ MENU

le strategie

Come i parmigiani vivono la siccità: «Rispettiamo le regole. Ed è giusto farlo»

«Rispettiamo le regole. Ed è giusto farlo»

di Anna Pinazzi

03 Luglio 2022,03:01

Temperature alte, piogge scarsissime, la portata dei corsi d’acqua in drastica diminuzione. A fronte dell’allarme siccità il sindaco uscente Federico Pizzarotti, attraverso un’ordinanza emanata il 24 giugno e prevista fino al 21 settembre (salvo proroghe), ha deciso di fare entrare in vigore alcune limitazioni all’uso dell’acqua potabile. Limitazioni di cui la maggior parte dei parmigiani comprende «tutta l’importanza e l’urgenza», ma che, per tanti «vanno imparate a gestire giorno dopo giorno».

Il divieto di utilizzo durante il giorno

Prima fra tutte il rispetto del «divieto di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per uso extra-domestico ed in particolare per l’innaffiamento di orti, giardini e lavaggio automezzi nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 21» come illustra l’ordinanza. Perché in quella fascia oraria «sono concentrate tutte le attività quotidiane: si lavano le stoviglie dei vari pasti, la casa, i pavimenti, si innaffia il giardino, d’estate si fa anche qualche gioco d’acqua per sconfiggere il caldo, per i più piccoli – afferma Gabriele Gandolfi, un cittadino –. Le scorse estati ho sempre riempito una piccola piscina gonfiabile con un po’ d’acqua per fare giocare i miei figli, ma adesso la piscina è ancora dentro uno scatolone: si combattono le alte temperature con i ghiaccioli alla frutta e qualche gita in fiume appena fuori Parma, dove ancora un po’ di acqua c’è». Per rispettare le norme (la sanzione per chi non lo fa va dai 25 ai 500 euro) «i miei genitori hanno reimpostato il timer dell’irrigazione automatica, che parte rigorosamente dopo le 21 e dura solamente pochi minuti – rivela Francesca Rollo –. Inoltre, per lavare i piatti cerchiamo di utilizzare la lavastoviglie solo a pieno carico e ovviamente stiamo molto attenti a non usare più acqua del dovuto nelle piccole azioni di tutti i giorni, come lavarsi i denti o fare la doccia».

Le azioni per usare meno acqua

Le abitudini quotidiane «sono un po’ cambiate, è vero – dichiara Annalisa Montali, ma è giusto così: siamo in una condizione emergenziale, dobbiamo, nel nostro piccolo, fare di tutto per superarla al meglio». Quello che dice Annalisa riassume perfettamente quello che pensano anche tanti altri parmigiani. Come Giacomo Bottazzi, che riflette: «Sono piccoli sforzi che sono necessari – dice -, e che non stravolgono di troppo la quotidianità». Anche se «i miei fiori ne hanno risentito – fa sapere ridendo -. Riesco ad innaffiarli solo al mattino prima delle 8, ma il sole delle ore più calde è così forte che me li ha fatti appassire quasi tutti: uniche superstiti alcune piante grasse». Niente acqua anche per il lavaggio «fai da te» dei propri veicoli. Nel dettaglio, è vietato l’utilizzo dell’acqua potabile erogata dall’acquedotto, quindi i veicoli si potranno lavare negli autolavaggi che prelevano l’acqua dai pozzi o che, comunque, non utilizzano acqua potabile. È il caso dell’autolavaggio di via Emilia Est, direzione San Prospero: «L’acqua la prelevo dal mio pozzo di 11 metri – fa sapere il responsabile –, quindi ho l’autorizzazione di proseguire con il mio lavoro». E, infatti, tanti cittadini usufruiscono del servizio: ciascuna postazione è occupata, si formano anche alcune file. Insomma, la maggior parte dei parmigiani «sta alle regole». Qualcuno va anche oltre, riflettendo, in generale, sul proprio impatto sull’ambiente: «L’impegno che stiamo mettendo, rispettando queste regole, nel cercare di non sprecare acqua, non deve poi concludersi una volta terminata l’emergenza idrica –conclude Pietro Pelizzoni -. Adottare alcune accortezze per non sprecare l’acqua è un comportamento che bisogna mantenere indipendentemente dallo stato di siccità: bastano davvero piccoli gesti quotidiani».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI