×
×
☰ MENU

Il racconto di una notte violenta

«Pestato in piazzale San Lorenzo»

«Pestato in piazzale San Lorenzo»

05 Luglio 2022,03:01

Aggredito due volte nella stessa notte nel giro di pochi minuti e finito all'ospedale. È inquietante il racconto fatto da un parmigiano su Facebook, una vicenda su cui adesso sta indagando la Squadra Mobile della polizia di Stato. La doppia aggressione sarebbe avvenuta nella notte tra sabato e domenica in piazzale San Lorenzo, in pieno centro storico.

Il racconto su Facebook inizia con la vittima e una ragazza, con ogni probabilità la sua compagna, che di notte, assieme ai loro due cani, stanno rincasando. Arrivati in piazzale San Lorenzo, sarebbe scattata la prima aggressione. Da un'auto parcheggiata sarebbero, infatti, scesi due ragazzi che avrebbero incolpato l'uomo di averli, per usare un eufemismo, «guardati male». L'autore del post spiega che lui e la ragazza hanno tirato dritto per la loro strada, ma da un locale ancora aperto sarebbero uscite altre persone - più o meno sei - che li avrebbero circondati e aggrediti. In particolare, l'uomo avrebbe ricevuto dei pugni in faccia e sarebbe stato trascinato a terra, perdendo anche il suo Iphone che non avrebbe più ritrovato. Il parapiglia avrebbe, però, anche spaventato i due cani della coppia, uno dei quali sarebbe fuggito. L'uomo, nonostante le botte ricevute, l'avrebbe rincorso e ritrovato ma, al suo ritorno per ricongiungersi con la compagna, sarebbe stato aggredito per la seconda volta dallo stesso gruppo con altri pugni in faccia e calci. Inoltre, qualcuno gli avrebbe anche scagliato addosso una fioriera colpendolo a una spalla e alla testa.

Senza telefono avrebbe chiesto aiuto in un bar senza però che - continua il suo racconto - nessuno abbia fatto nulla. La ragazza, a quel punto, si sarebbe messa a urlare e provvidenziale sarebbe stato l'intervento di un amico che abita in un caseggiato vicino. Partita la richiesta di aiuto, sul posto sono arrivate subito le Volanti della polizia. Gli aggressori si erano, però, già dileguati mentre il parmigiano ha dovuto ricorrere alla cure del pronto soccorso venendo dimesso con una prognosi di sette giorni.

r.c.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Frank

    05 Luglio 2022 - 10:31

    I nostri politici che abitano in comune sono ciechi come gli orbettini.

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI