×
×
☰ MENU

Nomina

Giacomo Malmesi nuovo presidente di Ireti

Giacomo Malmesi nuovo presidente di Ireti

07 Agosto 2022,03:01

Giacomo Malmesi dopo la conferma nel cda di Iren, è stato nominato presidente di Ireti, la società del gruppo Iren che gestisce le reti idriche, elettriche e della distribuzione del gas. Classe 1971, avvocato, sposato con due figlie, Malmesi vive a Parma. «Si tratta di un importante riconoscimento per la città -afferma - perché Parma è un territorio nel quale Ireti gestisce sia la rete del gas che quelle elettrica ed idrica».

Ireti in numeri

Oggi, attraverso oltre 8.100 chilometri di rete, Ireti distribuisce gas a quasi 750mila clienti sul territorio nazionale, per un volume distribuito nel 2021 pari a quasi 1.400 milioni di metri cubi.

Nel servizio elettrico, attraverso oltre 7.700 chilometri di rete in alta, media e bassa tensione, 16 stazioni di trasformazione da alta tensione a media tensione (10 a Torino, 5 a Parma e 1 a Vercelli) e 4.500 cabine di trasformazione secondarie da media tensione a bassa tensione per l’utilizzo domestico e industriale, Ireti distribuisce annualmente circa 4.000 gigawatt di energia elettrica.

I nuovi interventi

«Ireti ha installato quasi 560mila contatori elettronici di ultima generazione a Torino - evidenzia Malmesi -130mila a Parma e 32mila a Vercelli. A Parma abbiamo in corso significativi interventi sulla rete elettrica in grado di garantire la distribuzione di quantitativi importanti di energia, anche grazie allo sviluppo delle rinnovabili che richiedono una rete smart, flessibile e potente allo stesso tempo: nel piano industriale di Iren al 2030 sono previsti 145 milioni di euro di investimenti su Parma per cabine di trasformazione e rinnovo reti, ed installazione di contatori smart meters».

Non solo energia, ma anche distribuzione idrica: Iren fornisce acqua potabile a oltre 2,9 milioni di persone nelle province di Genova, Savona, La Spezia, Parma, Piacenza e Reggio Emilia e in altre regioni italiane per un totale di 265 Comuni, con una grande attenzione al controllo, alla qualità e alle esigenze del territorio. Attraverso una rete di acquedotto di circa 23.360 chilometri gestita in gran parte da Ireti, vengono distribuiti ogni anno circa 187 milioni di metri cubi di acqua garantendo la continuità dell’erogazione e la qualità della risorsa idrica.

Il gruppo gestisce 4 laboratori di analisi, che effettuano oltre 1 milione di analisi all’anno, di cui oltre 640mila sulle acque potabili, per garantire un efficiente e controllato servizio ai cittadini. Ireti gestisce poi circa 11.162 chilometri di rete fognaria e 1.323 impianti di depurazione, di diverse dimensioni, che assicurano alte efficienze depurative, con tecnologie che si adattano di volta in volta alle esigenze del territorio su cui gli impianti stessi sono collocati.

«Grandi investimenti»

«In provincia di Parma il piano industriale di Iren al 2030 prevede investimenti per circa 200 milioni euro sulla rete degli acquedotti - rimarca Malmesi -, 45 milioni per adeguamento degli impianti di depurazione e nuovi depuratori e circa 40 milioni per la costruzione ed il rinnovo delle reti di fognatura».

Grande anche l'impegno nel campo dell'innovazione: nell’impianto di Mancasale, vicino Reggio Emilia, l’installazione di una stazione di trattamento terziario, consente di riutilizzare le acque in favore dell’agricoltura. Il suo potenziale, ora di 6 milioni di metri cubi, verrà aumentata a 20 milioni di metri cubi annui.

«Infrastrutture basilari»

«Le infrastrutture devono essere un volano essenziale per supportare i mutamenti che vengono richiesti dall’attuale situazione contingente- afferma il presidente di Iren Luca Dal Fabbro-si pensi alle reti elettriche, verso le quali si sposteranno i consumi energetici negli anni a venire, per le quali sono in corso investimenti importanti nei territori di riferimento; oppure alle reti idriche, la cui efficienza è essenziale per non disperdere le risorse ed essere maggiormente resilienti anche nei confronti delle sfide che ci stanno ponendo i cambiamenti climatici».

«Al servizio delle persone»

Per il vicepresidente Iren Moris Ferretti «cercare di intercettare le esigenze delle comunità e far sì che le infrastrutture siano sempre efficienti e al servizio delle persone è la motivazione che spinge le donne e gli uomini di Ireti a mettere in questo lavoro tutto il proprio impegno».

L.M.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI