×
×
☰ MENU

Lagdei

Donna pensa di mangiare del ribes ma era una una bacca velenosa: salvata con l'elicottero

Donna pensa di mangiare del ribes ma era una una bacca velenosa: salvata con l'elicottero

09 Agosto 2022,03:01

Corniglio L’elicottero del Soccorso alpino, decollato da Pavullo nel Frignano, e un’ambulanza dell’Assistenza pubblica di Langhirano, partita dal distaccamento di Ghiare con un infermiere a bordo, sono intervenute ieri tra Lagdei e Lago Santo per soccorrere una donna che presentava sintomi da avvelenamento.

Secondo una prima ricostruzione, la donna – una cinquantenne che si trovava in alta Val Parma per un’escursione – avrebbe ingerito delle bacche velenose, probabilmente quelle di fior di stecco (meglio noto come «la bella assassina») scambiandole probabilmente per ribes. Le bacche del fior di stecco sono infatti di un rosso acceso simile al colore del ribes, ma sono altamente velenose.

Il succo che contengono, infatti, è molto irritante e produce vesciche velenose che, se ingerite, possono causare anche il soffocamento. Ne basterebbero poche bacche per scatenare i primi sintomi da avvelenamento. E infatti la donna ne avrebbe mangiate poche e avrebbe subito manifestato i primi sintomi.

Immediatamente è stata allertata la macchina dei soccorsi: da Ghiare è partita subito un’ambulanza con a bordo un infermiere, che si è fermata a Lagdei, mentre l’elisoccorso che si è alzato in volo da Pavullo ha sorvolato il Lago Santo e il rifugio Mariotti, dove la donna era stata portata in attesa dei soccorsi. Medico e infermiere si sono calati a terra col vericello ed hanno subito prestato le prime cure alla donna, che è stata poi caricata in eliambulanza e trasportata in condizioni di media gravità al pronto soccorso del Maggiore di Parma, dove ha ricevuto le cure del caso.

Beatrice Minozzi

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI