×
×
☰ MENU

via Jenner

Bambino di tre anni cade dal terzo piano: illeso

Bambino di tre anni cade dal terzo piano: illeso

di Luca Pelagatti

10 Agosto 2022,03:01

Quell'alberello davanti al civico 19 di via Jenner pare proprio disegnato da un bambino: è tondo, paffuto, sembra ritagliato da un fumetto verde. E forse anche per questo è bello pensare che quella palla di foglie abbia qualcosa di magico, visto che ha salvato la vita di un bimbo di appena tre anni. Lui forse voleva solo guardare il mondo, ma è volato nel vuoto. Chi lo ha soccorso ha usato poche parole: «È stato un miracolo». Perché è caduto dal terzo piano. Ma non si è fatto nulla.

Tutto è successo in pochi secondi l'altra sera, intorno alle 23.30. Il bimbo, tre anni appena, era nell'appartamento dove vive con i genitori di origine ivoriana e la sorellina di 13 anni e stava giocando sul divano.

La mamma e la sorella erano nella stanza a fianco, il padre era fuori casa, al lavoro. Insomma, quella sembrava una sera come tutte le altre.

Ma i piccoli di quell'età, si sa, hanno tutto il mondo da scoprire ed esplorare. E per il bimbo, forse, il davanzale era una montagna da scalare, un osservatorio da cui lanciare lo sguardo. Comunque un posto da raggiungere. Anche se un davanzale è davvero troppo piccolo per contenere tutti i sogni di un bambino.

Il piccolo comunque si è arrampicato sul divano, poi sullo schienale della seduta e quindi sulla finestra. È stato un battito di ciglia: il bambino è caduto nel vuoto e sarebbe finito sull'asfalto nove metri sotto se, appunto, non ci fosse stato quell'albero tondo che ne ha attutito la caduta. Anzi, si potrebbe dire che lo ha preso al volo. Ovviamente alla fine il bambino a terra ci è finito ugualmente, ma non è stato quello schianto che non avrebbe lasciato scampo. Anzi, dai rami è stato trattenuto e quasi appoggiato al suolo.

Ad accorgersi di quello che era accaduto sono state proprio la mamma e la sorellina, che hanno sentito le grida e il pianto e lo hanno visto giù, in basso. E correndo verso di lui hanno chiamato il 118. Quando sono arrivati sul posto gli uomini di Parma Soccorso hanno trovato il bimbo tra le braccia della mamma, naturalmente disperata. Ma in poco tempo si è capito che si poteva smettere di piangere. E si poteva tornare a sorridere. Il bambino è stato trasportato al vicino ospedale Maggiore, dove è stato sottoposto a una serie di accertamenti che hanno permesso di appurare che non aveva riportato ferite. E che appunto parlare di miracolo non era poi troppo fuori luogo.

In via Jenner sono arrivati anche gli uomini delle volanti della questura per valutare eventuali responsabilità a carico dei familiari, che tuttavia, almeno per il momento, sono state escluse. Il bambino non era certo stato abbandonato a se stesso e la mamma era giusto a pochi passi. Ma la curiosità di guardare lontano, a quell'età, ha rischiato di avere un costo spaventoso.

Alla fine il bambino potrà tornare alla sua casa e tornare a giocare e sonnecchiare dal divano che, certamente, d'ora in poi sarà spostato un po' più in la. L'albero invece resterà al suo posto, tondo e in apparenza morbido. Ma ogni volta che i genitori passeranno lì sotto lo guarderanno con uno sguardo diverso.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • marzbro

    10 Agosto 2022 - 16:16

    un vero miracolo forza piccolo

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI