×
×
☰ MENU

Nella zona di via Kennedy

Giovane accoltellato al parco Ducale in pieno giorno

Giovane accoltellato al parco Ducale in pieno giorno

di Luca Pelagatti

20 Agosto 2022,03:01

In certi contesti basta poco: una frase sbagliata, un'occhiata di traverso, un gesto frainteso. E prima volano i pugni, poi escono le lame. Proprio quello che è accaduto di nuovo l'altro ieri, intorno alle 18.30, al Parco Ducale dove un 26enne di origine senegalese ha rimediato due coltellate dopo una lite con alcuni sconosciuti. Il motivo dell'aggressione? Non si sa, pare futili motivi. Ma lo abbiamo detto: in certi contesti basta davvero poco.

Secondo le prime sommarie ricostruzioni il giovane era seduto su una panchina nella zona del parco a poca distanza dall'ingresso di via Kennedy, vicino a piazzale Santa Croce quando avrebbe iniziato a litigare con un altro straniero. Se tra i due ci fossero motivi di ostilità pregressi o se sia una zuffa nata per caso saranno le indagini dei carabinieri a dirlo: quello che è certo è che la lite è presto degenerata e l'altra persona ha estratto un coltello con cui ha colpito il senegalese due volte, alla gamba e alla mano. Poi, la fuga mentre il ferito è rimasto a terra attirando l'attenzione di alcuni passanti che hanno subito chiamato il 118.

Nel parco è arrivata così un'ambulanza che ha caricato il ferito per portarlo al Maggiore dove è stato medicato: le due condizioni, per fortuna non sono gravi.

Immediato anche l'intervento dei carabinieri che hanno cercato di raccogliere testimonianze di chi si trovava nel parco mentre un contributo potrebbe venire anche dalle immagini riprese dalle telecamere che potrebbero avere ripreso l'accoltellatore in fuga. Ma anche con qualche fotogramma a disposizione non sarà facile risalire al nome di uno dei tanti stranieri che bazzicano il parco. E che soprattutto nelle zone più appartate lo hanno trasformato in una specie di discount dello sballo. In particolare questa parte del parco, tra il palazzetto Sanvitale e l'uscita di via Kennedy è una di quelle dove più di frequente si notano i crocchi dei pusher. Che già in passato hanno risolto le loro contese d'affari a colpi di coltello.

Luca Pelagatti

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • Simon

    20 Agosto 2022 - 15:42

    Non si è fatto negli ultimi anni e non si farà nemmeno nei prossimi. Tra un po questi tizi si metteranno a spacciare davanti alle scuole primarie, ma non c'è niente da fare. Si tratta di una questione ideologica. Se per ipotesi mandi le forze dell'ordine in gran numero a fermare e controllare quelli che bivaccano al Parco ducale, falcone borsellino, ferrari etc etc dopo due giorni ti ritrovi con la fiaccolata antifascista, pacifista, contro ogni discriminazione... come se c'entrasse qualcosa il razzismo e l'antifascismo...

    Rispondi

  • webparma

    20 Agosto 2022 - 14:20

    Lo sanno tutti della delinquenza che c'è al parco: basterebbe mettere le forze dell'ordine ad ogni accesso (che poi spno 3 porte, non 2000...) e con altri andare a chiedere documenti e perquisire tutti qyelli all'interno del parco... farlo tutti i giorni e vedi che via burla si riempie ed il parco si vuota ...

    Rispondi

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI