×
×
☰ MENU

aziende

Mutti, al via la ricerca dei 1100 collaboratori stagionali per la campagna del pomodoro

Mutti, al via la ricerca dei 1100 collaboratori stagionali

04 Maggio 2022,13:30

Mutti, azienda leader in Europa nella lavorazione del pomodoro in Europa, apre le candidature per la campagna di trasformazione del pomodoro annunciando la ricerca di 1100 figure che saranno impegnate dalla metà luglio sino a fine settembre in attività produttive e amministrative all’interno dei tre stabilimenti del Gruppo a Montechiarugolo (PR), Collecchio (PR) e Oliveto Citra (SA).
Si tratta del momento più importante dell’anno per Mutti: in questi 70 giorni estivi, infatti, l’azienda trasforma tutta la materia prima proveniente dalle oltre 800 famiglie di agricoltori italiane. Questo accade perché Mutti utilizza solamente il pomodoro raccolto durante il suo naturale ciclo di crescita, ovvero da luglio a settembre.


Data la molteplicità dei ruoli richiesti, non esiste un unico profilo del lavoratore stagionale in Mutti ma, nel tempo, si è riusciti a individuare due macro-categorie: giovani studenti, spesso alla prima esperienza lavorativa, che in estate hanno voglia di impegnarsi in un’attività diversa dallo studio ma che chiede altrettanto impegno e dedizione; professionisti di consueto impegnati in lavori stagionali nel mondo agroalimentare e che in estate dedicano i loro sforzi al settore del pomodoro. Una parte di queste posizioni, inoltre, in continuità con quanto avviato l’anno scorso insieme ad Associazione Next e UNHCR, sarà riservata a persone in difficoltà che necessitino di un aiuto concreto per inserirsi o re-inserirsi nel mondo del lavoro.


Tra i ruoli che saranno svolti dagli operatori stagionali troviamo: l’analista addetto al controllo qualità che ha il compito di prelevare dei campioni di prodotto finito dalle linee oppure di materia prima e di effettuare analisi chimico-fisiche sul prodotto. Per questa mansione sono ricercati profili di studenti o laureati in chimica, biologia, scienze e tecnologie alimentari; l’addetto alle campionature nei campi di pomodoro che si occupa di prelevare la materia prima presso le aziende agricole conferenti e trasportarle negli stabilimenti Mutti al fine di effettuare alcune analisi preliminari sul pomodoro fresco. Per questa figura si ricercano persone patentate, diplomate in istituti tecnici agrari o studenti universitari in scienze agrarie e residenti nelle
province di Ferrara, Mantova, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia. Essendo un lavoro in movimento ad essi verrà assegnata un’auto aziendale.


“La campagna di trasformazione del pomodoro è un momento di grande importanza per la nostra azienda. In questo periodo abbiamo la possibilità di aprire le porte dell’azienda a nuove persone, dando così il nostro contributo alle comunità locali in cui siamo presenti, dal Nord al Sud Italia – ha dichiarato Federico Luddi, HR Director di Mutti – Come Mutti crediamo fortemente nel valore di migliorarci, insieme, e creare valore per tutti. In questi 70 giorni le nostre persone, supportate dagli oltre 1100 stagionali che si uniscono all’azienda, lavorano intensamente per dare vita a un prodotto la cui qualità, oggi, raggiunge e viene apprezzata da 100 Paesi nel mondo.”
Le persone ricercate sono 450 a Montechiarugolo (PR), 350 a Collecchio (PR) e 300 a Oliveto Citra (SA). Il contratto erogato è a tempo determinato stagionale la cui durata può essere variabile a seconda delle esigenze produttive. Per candidarsi è necessario aver compiuto 18 anni, essere automuniti ed essere disponibili a lavorare su turni.
Coloro che hanno già collaborato con l’azienda in occasione delle precedenti campagne avranno accesso prioritario alla posizione; chi, invece, non avesse ancora esperienza può inviare la propria candidatura attraverso il sito Mutti:

https://mutti-parma.com/it/lavora-con-noi/lavoro-stagionale-trasformazione-del-pomodoro/

 

Chi siamo

Storica azienda di Parma, è leader in Europa nella lavorazione del pomodoro. É il 1899 quando Marcellino e Callisto Mutti danno avvio alla prima campagna di trasformazione del pomodoro. Da allora, facendo leva sui valori chiave di qualità e tradizione italiana assieme al rispetto per la filiera e il territorio, la famiglia Mutti si dedica esclusivamente al pomodoro 100% italiano, realizzando concentrato, passata e polpa di pomodoro, prodotti che oggi sono apprezzati in tutto il mondo. Il desiderio di innovazione, che fin dalla fondazione è nel DNA dell’azienda, ha portato ad ampliare man mano la gamma con un’ampia offerta di sughi e salse pronte. Oggi il Gruppo Mutti, con 120 anni di storia, è leader in Europa nel mercato dei derivati del pomodoro ed è presente in 100 Paesi al mondo, con un fatturato netto nel 2021 di 484 milioni di euro. I volumi realizzati dal Gruppo Mutti nel 2021 hanno raggiunto le 685.000 tonnellate, dati in aumento rispetto all’anno precedente (580.000 tonnellate nel 2020). Sempre nel 2021 i volumi export hanno superato i volumi di vendita italiani a seguito di una crescita a doppia cifra ogni anno. Parma, Montechiarugolo, è la sede storica e commerciale del Gruppo che si è man mano ampliato per poter rispondere a tutte le esigenze di gusto. Nello stabilimento di Fiordagosto di Oliveto Citra (SA) si trasformano invece le specialità tipiche del Sud Italia, come il pomodoro lungo e il ciliegino. Infine, nel novembre 2017 Mutti ha acquistato lo stabilimento CO.PAD.OR di Collecchio, costituendo prima la nuova società Pomodoro 43044 Srl fusa per incorporazione poi a Mutti SpA dal 1° gennaio 2021.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI