×
×
☰ MENU

Collecchio

Ugo Dodi, se ne è andato a 98 anni il contadino con i modi da gentiluomo

Ugo Dodi, se ne è andato a 98 anni il contadino con i modi da gentiluomo

19 Giugno 2022,09:11

Addio al contadino gentiluomo. Se ne è andato Ugo Dodi, 98, anni, per una vita agricoltore. Il suo carattere, i suoi modi sono stati forgiati dalla vita nei campi.

Era nato nel 1923 a Varano Melegari. Una famiglia numerosa, la sua, con dieci tra fratelli e sorelle. E lui, come era consuetudine ai quei tempi, era stato soprannominato «al magiùr», il più vecchio. Un appellativo che si è portato dietro tutta la vita.

Il padre Quinto e la mare Albina erano a loro volta agricoltori e Ugo ha vissuto in prima persona l’epopea della civiltà contadina di cui è stato protagonista. Da ragazzo era lui che andava a contrattare il prezzo delle vacche, dei raccolti di cipolle, pomodori e frumento.

La sua vita è stata scandita dal ritmo delle stagioni, dal rapporto duraturo che ha instaurato con i fratelli e le sorelle.

Un rapporto fondato sulla saggezza, sulla concretezza, sulla capacità di mediare e di rispettare il prossimo. Per questo si era guadagnato la stima di coloro che lo hanno conosciuto: «Era una persona autorevole, caparbia, dotata di una grande umanità – lo ricordano alcuni parenti – ci mancherà, ci mancheranno i suoi insegnamenti, il suo esempio».

Ugo ha solcato il Novecento ed i suoi grandi eventi a partire dalla seconda guerra mondiale. Era poco più che diciannovenne quando fu chiamato alle armi.

Di stanza a Mantova, l’8 settembre del 1943, fu fatto prigioniero dai tedeschi, per un caso non finì in Germania. Fuggì, poi, da Porretta Terme, dove era stato destinato, per ritornare a casa, dopo aver affrontato mille peripezie.

Generoso, solare, ha portato a compimento un progetto di vita ambizioso: da mezzadro, nell’età giovanile, è riuscito ad acquistare un suo podere negli anni Settanta lungo strada delle Carmelitane a Collecchio. Sposatosi, dopo la guerra, con Anna Montecchi, dal suo matrimonio sono nati tre figli: Amelia, Marisa e Alessandro, prematuramente scomparso per una grave malattia nel 2016.

Lo piangono le figlie ed i tanti nipoti a cui era molto legato. I funerali si svolgeranno questa mattina alle 11.30, nella chiesa parrocchiale di Collecchio.

G.C.Z.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI