Sei in Provincia

fotogallery

I bellissimi presepi della Bassa - Foto

24 dicembre 2019, 10:41

Chiudi
PrevNext
1 di 4

Nelle terre di Verdi e Guareschi, bagnate dal Grande fiume, eccezionalmente in piena in questi giorni, le feste di Natale offrono l’occasione di uno speciale, dolce e romantico itinerario in un vero e proprio mondo di presepi. Tanti quelli che, nel giro di pochi chilometri, si possono visitare, anche per Natale e Santo Stefano e, comunque, almeno fino all’Epifania. A Soragna, nella chiesa della Beata Vergine del Carmine e San Rocco, nei festivi e prefestivi, dalle 9.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 18, è aperta al pubblico l’ormai tradizionale mostra dei presepi nata grazie all’iniziativa di Gabriella Latusi. A Zibello, all’ingresso dell’ottocentesco teatro Pallavicino, solo nei festivi, dalle 14.30 alle 18, ecco la rassegna presepistica promossa dal  comitato Amici del Grande fiume, con natività provenienti da tutto il mondo e una sezione dedicata ai presepi del Po, con una serie di natività realizzate in vecchie radici restituite dal Grande fiume. Nella vicina Vidalenzo, ai confini della provincia, di fronte alla chiesa parrocchiale, il tradizionale e grande presepio artistico realizzato da Eriberto Gobi, con giochi di luce, movimenti e suggestioni, arricchito dalla presenza di statuine in carrozzina e significare, ancora una volta, l tema della disabilità. A Priorato di Fontanellato, nella bella chiesa di San Benedetto, si possono visitare i Presepi di Priorato, tutti i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18 e i sabati dalle 15 alle 18, fino al 12 gennaio. Altro evento tradizionale è quello di Lentigione di Brescello dove è possibile visitare il grande presepio artistico con statuine in movimento,  cambiamenti atmosferici, il susseguirsi del giorno e della notte, e molto altro di emozionante da visitare. Infine, a Fidenza, al Centro culturale San Michele, la 38esima edizione della mostra dei presepi aperta il sabato, dalle 16 alle 18, la domenica ed i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18. Nel suo complesso, uno speciale itinerario alla scoperta delle natività, tra arte, suggestione e semplicità.

Paolo Panni

© RIPRODUZIONE RISERVATA